Il sindaco di Courmayeur dispone l’evacuazione di alcune abitazioni della Val Ferret per l’allerta ghiaccio. Si temono distaccamenti a causa dell’innalzamento delle temperature.

Allerta ghiaccio sul versante italiano del massiccio del Monte Bianco, il sindaco di Courmayeur ordina l’evacuazione di alcune abitazioni della Val Ferret, per il rischio che possano essere travolte da un possibile distaccamento di lastroni di ghiaccio a causa dell’innalzamento delle temperature.

Evacuazione di una trentina di abitazioni in Val Ferret per allerta ghiaccio

Secondo l’ordinanza del sindaco di Courmayeur, l’evacuazione deve avvenire entro le ore 11 della giornata di giovedì 6 agosto. Si tratta di una zona dove si trovano poche decine di residenti, forse una ventina in tutto, ma un nutrito numero di turisti.

Gli evacuati nel centro accoglienza al Palaghiacchio di Courmayeur

Le persone evacuate sono state trasferite nel centro accoglienza allestito, con la collaborazione della Croce Rossa, al palaghiaccio di Courmayeur. S valuteranno poi le alternative a disposizione e si procederà in maniera differenziata tra residenti e turisti.

Il lavoro dei tecnici

I tecnici sono al lavoro per monitorare i segnali che arrivano dal ghiacciaio di Planpincieux e dalle zone a rischio.

Al momento sono state individuate due zone, una rossa e una gialla. La zona rossa è quella che potrebbe essere interessata direttamente dal distaccamento di lastroni di ghiaccio, mentre quella gialla è quella che potrebbe essere interessata dalla nuvola di particelle conseguente al crollo stesso.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Courmayeur cronaca evidenza Val Ferret

ultimo aggiornamento: 07-08-2020


Sergio Zavoli, i funerali a Roma, poi la Camera ardente a Rimini

“I can’t breath”, le urla di John Neville prima della morte (VIDEO)