Con la riforma della buona scuola è stata inserita l’alternanza scuola lavoro per gli studenti: scopriamo di cosa si tratta e come funziona

La riforma della Buona Scuola tra le tante novità ha reso obbligatoria la cosiddetta alternanza scuola lavoro per gli studenti. Di cosa si tratta? Come funziona? Cerchiamo di scoprirlo insieme in questa pratica guida.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Alternanza scuola lavoro

Entrata inizialmente nel 2013, l’alternanza scuola lavoro è una nuova metodologia didattica che vede gli studenti impegnati su più fronti. Non solo il fronte didattico e teorica, ma una vera e propria esperienza diretta presso un’azienda. Si tratta di un progetto davvero importante pensato per avvicinare gli studenti al mondo del lavoro aiutandoli nella scelta del loro futuro. L’alternanza scuola lavoro è diventata legge a tutti gli effetti nel 2015 ed è disciplinata dagli articoli 33 e 34. Nell’articolo 34 vengono elencate le durate di svolgimento che variano a seconda dell’indirizzo scolastico e della scuola. Generalmente sono 200 ore per i licei, 400 ore per gli istituti tecnici e gli istituti professionali. Si tratta di ore complessive da accumulare durante l’ultimo triennio e che non prevedono alcuna forma di retribuzione o rimborso spese.

Come funziona

L’alternanza scuola lavoro è obbligatoria per tutti gli studenti regolamenti iscritti al triennio e potranno svolgerla durante l’anno scolastico oppure durante il pomeriggio o nei periodi di vacanza. E’ possibile inserire nel calcolo totale dell’alternanza scuola lavoro anche esperienze che lo studente ha svolto all’estero. Le attività vengono regolarmente svolte presso aziende, imprese, enti culturali, ma anche istituzioni, ordini professionali e associazioni sportive. Il progetto di alternanza scuola lavoro presenta diverse fasi:

  • la scelta dell’azienda o del tutor a cui si arriva dopo un’attenta analisi e valutazione da parte dello studente e del tutor;
  • l’incontro con l’azienda: lo studente incontra il tutor esterno e prende contatto con la nuova realtà “lavorativa”. Prima di cominciare il progetto è tenuto a firmare il patto formativo.
  • lo svolgimento dell’alternanza: il periodo di alternanza scuola lavoro.
  • la valutazione: una volta terminato il progetto scuola e struttura ospitante valuteranno l’operato dello studente a cui verrà rilasciato un certificato delle competenze.

certificato_unicasim

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 14-08-2017


Pensioni all’estero: come richiederne il trasferimento

Alternanza scuola lavoro: i benefici per le aziende