La bandiera del Milan, adesso commentatore su Sky Sport, ha analizzato il momento dell’attaccante argentino, sbilanciandosi sul suo futuro

Non può esserci un Milan senza Gonzalo Higuain. Almeno questo Milan, costruito in estate attorno al numero 9, arrivato dalla Juventus in prestito oneroso per la cifra di 18 milioni di euro. Massimo Ambrosini, ex capitano del Milan e adesso opinionista di lusso su Sky Sport, parte dalla vittoria per 2-1 dei rossoneri sulla Spal, per arrivare alla crisi del Pipita e ai possibili sviluppi della sua carriera. La sua convinzione, dunque, è quello che nella finestra invernale di mercato non ci sarà alcun cambio di casacca per il bomber sudamericano.

Ambrosini su Higuain: “Fatico a vederlo altrove”

Ecco le parole di Ambrosini: “La partita di Higuain contro la Spal era complicata, non era semplice, l’ha risolta. anche nelle partite di difficoltà vedevo positività, richiamava i compagni. non so quello che gli passa per la testa, fatico a pensare che vada via”.

Dirigenza e mister, poi, hanno fatto sempre quadrato attorno al giocatore, difendendolo e sostenendolo in ogni occasione. Lo stesso Higuain, dopo il ritorno al gol di sabato scorso, ha tenuto a ringraziare pubblicamente Gennaro Gattuso per la grande carica che gli ha trasmesso in questi momenti complicati.

Gonzalo Higuain
Fonte foto: https://twitter.com/acmilan

Milan-Higuain: quale futuro per il Pipita?

Il futuro di Higuain è al momento molto incerto. Le possibilità di uno scambio nella finestra di mercato invernale con Morata sembrano, al momento, quasi nulle. La difficoltà di questa trattativa è infatti legata al coinvolgimento della Juve, ancora proprietaria del cartellino: i rossoneri, per avere il cartellino dell’attaccante, dovranno versare ai torinesi altri 36 milioni di euro.

Si tratta di una cifra molto alta, da ridiscutere probabilmente in estate. Leonardo proverà ovviamente a trattenere il giocatore, ma non sarà facile trovare le risorse per portare a termine questa operazione. “Colpa” delle sanzioni sul fair play finanziario che, tra le altre cose, impongono in tre anni il raggiungimento del pareggio di bilancio.

TAG:
milan

ultimo aggiornamento: 31-12-2018


Milan, Pato si allontana sempre più: il Brasile nel futuro?

Addio Ernesto Ferraro, scopritore di Donnarumma: il cordoglio del portiere