Amministrative, bufera sulla campagna elettorale della Lega

E’ bufera sulla campagna elettorale della Lega per le prossime amministrative. A Ferrara fa discutere il video di Stefano Solaroli.

ROMA – La campagna elettorale della Lega per le prossime amministrative al centro della polemica. Bufera, per esempio, sul video del candidato al Consiglio Comunale, Stefano Solaroli, che mostra la propria pistola: “So che qualcuno criticherà, ma spero che questo video venga condiviso e diventi contagioso“.

Un videomessaggio che ha fatto sicuramente discutere anche se il Viminale con una nota ha subito smentito il filmato: “Il candidato non possiede armi e quel video era stato diffuso nel 2014. Proprio per questo a fine luglio 2018 era scattato un divieto di possedere armi puramente cautelativo. Solaroli non ha precedenti penali e ha già indicato un privato a cui cedere l’unico piccolo revolver di cui era ancora in possesso. In attesa della cessione la questura ha provveduto al ritiro dell’arma“.

Di seguito il video di Stefano Solaroli

Amministrative, fotomontaggio sessista: bufera su un candidato della Lega a Vercelli

Ma la polemica si è scatenata anche per un fotomontaggio postato su Facebook da Paolo Tiramani, deputato della Lega che a Vercelli sostiene il candidato di centrodestra Andrea Corsaro. Nella doppia immagine appare la candidata Maura Forte, prima truccata e sorridere con la scritta ‘quello che ti vogliono far credere’ e poi grigia con la didascalia ‘la verità’. Il tutto accompagnato da una breve descrizione: “Non è questione di estetica, la sinistra, come le sue bugie, ha le gambe corte“.

Matteo Salvini
Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

Dura la reazione della sindaca uscente che ai microfoni di La Repubblica dice: “E’ un duro allarme per tutte le donne. Io sono un insegnante e questo messaggio mi preoccupa. Perché dobbiamo dare il buon esempio ai giovani e sicuramente questo non lo è“. La campagna elettorale continuerà ancora per qualche giorno prima dei ballottaggi previsti per il 9 giugno 2019.

fonte foto copertina https://twitter.com/matteosalvinimi

ultimo aggiornamento: 03-06-2019

X