André Silva e Hakan Calhanoglu sono stati tra i colpi di mercato più costosi e interessanti. Ora, però, il Milan ne valuta il futuro e una eventuale cessione già a gennaio.

Trentotto milioni più bonus l’uno, ventuno milioni più bonus l’altro. Gli acquisti di André Silva e di Hakan Calhanoglu sono costati ai rossoneri circa 60 milioni. Rispetto all’investimento fatto, tuttavia, il rendimento del portoghese e del turco è stato nettamente al di sotto delle aspettative. L’ex attaccante del Porto, capocannoniere in Europa League (otto gol complessivi con la fase eliminatoria, ndr) ma fermo al palo in Serie A, rischia ora di vedere il campo con il binocolo: se Kalinic è la prima scelta, le quotazioni di Cutrone sono in forte ascesa e il classe ’95 rischia seriamente di diventare la terza scelta per Gattuso. L’ex Bayer Leverkusen ha avuto diversi problemi fisici e non ha mai trovato la condizione atletica giusta: nel derby, però, ha dato importanti segnali di risveglio che dovranno avere immediata conferma.

Quale futuro?

La valutazione del Milan su André Silva e Calhanoglu non è semplice, alla luce dell’investimento fatto in estate. E’ vero che i due hanno mercato tra Spagna, Inghilterra, Germania e Turchia ma una cessione definitiva comporterebbe una sicura minusvalenza a bilancio. Da qui a un mese ci saranno quattro gare di campionato (compresa quella contro la Fiorentina) nelle quali dimostrare di valere il Milan…

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Andrè Silva Calhanoglu ivm mercato milan

ultimo aggiornamento: 30-12-2017


Badelj, occasione a parametro zero ma il Milan è lontano

Fiorentina-Milan, Gattuso non rinuncia all’usato sicuro