Alla scoperta di Andrea Conti, terzino destro col vizio del gol

Dieci reti nelle ultime due stagioni con l’Atalanta: niente male per un esterno di difesa. Ecco Andrea Conti, ultimo colpo del mercato rossonero.

chiudi

Caricamento Player...

Dalla Lega Pro al Milan, passando per la Serie B. Ne ha fatta di strada, Andrea Conti, approdato in rossonero dopo due stagioni da protagonista nella massima serie con la maglia dell’Atalanta. Nato a Lecco il 2 marzo del 1994, il talentuoso esterno è cresciuto nella cantera della Dea dopo aver rifiutato (pensa un po’) il Milan.

Già, proprio così. Era il 2001 quando l’allora selezionatore delle giovanili rossonere, Paolo Bertani, mise gli occhi sul giovanissimo Andrea Conti. Tuttavia, il ragazzo preferì l’Atalanta al Milan. Il motivo? Piuttosto singolare: al futuro terzino azzurro non piacevano i campi di allenamento del club milanista situati a Linate. Strano scherzo del destino.

Andrea Conti, la carriera: dalla Lega Pro alla A

A diciannove anni arriva l’esordio tra i professionisti. L’Atalanta presta il giocatore al Perugia, in Lega Pro: il giovane esterno se la cava egregiamente, collezionando ben ventuno presenze tra campionato e Coppa Italia. L’anno dopo il salto in Serie B (sempre in prestito) con il Lanciano: venticinque gettoni complessivi, che gli valgono la “promozione” all’Atalanta. I bergamaschi, infatti, decidono di puntare sul ragazzo, che il 6 gennaio 2016 gioca la sua prima partita in A (al Friuli di Udine). Nelle due stagioni disputate con la Dea, Conti si mette in bella mostra, si consacra, attirando su di sé l’attenzione delle big. La spunta il Milan, che lo strappa ai nerazzurri per una cifra superiore ai 20 milioni di euro.

Il vizio del gol

Andrea Conti è un giocatore di grande corsa e qualità, in grado di agire con la stessa efficacia sia da terzino che da esterno di centrocampo (sempre a destra). Assist-man, ma non solo: l’ex atalantino ha anche il vizietto del gol. Nelle ultime due stagioni con l’Atalanta, infatti, ha messo a referto ben dieci reti. Mica male per un “difensore”.