Papa Francesco all’Angelus: non abusiamo della misericordia di Dio

Nell’Angelus Papa Francesco ricorda ai fedeli di “non abusare della misericordia di Dio con la pigrizia spirituale”.

CITTA’ DEL VATICANO – Nella terza domenica di Quaresima l’Angelus di Papa Francesco è stato dedicato al passo del Vangelo invitando i fedeli a non abusare della misericordia di Dio.

Il fico che il padrone della parabola vuole estirpare – dichiara il Pontefice riportato da Vaticannews – rappresenta una esistenza sterile, incapace di donare, incapace di fare il bene. E’ simbolo di colui che vive per sé stesso, sazio e tranquillo, adagiato nelle proprie comodità, incapace di volgere lo sguardo e il cuore a quanti sono accanto a lui e si trovano in condizioni di sofferenza, in condizioni di povertà e di disagio. A questo atteggiamento di egoismo e di sterilità spirituale, si contrappone il grande amore del vignaiolo che promettere di prendersi cura di quell’albero infelice“.

Papa Francesco
Papa Francesco

Papa Francesco nell’Angelus: “Non rimandate la conversione. Il tempo non è infinito”

Papa Francesco in vita a tutti di non rimandare la conversione alle prossime domeniche: “Non bisogna pensare in questa Quaresima – sottolinea Bergoglio – cosa devo fare per avvicinarmi al Signore, per convertirmi, per tagliare le cose che non vanno? No, no aspetterò la prossima domenica. Ma sarai ancora vivo? Dobbiamo pensare ad oggi. Noi possiamo fare grande affidamento sulla misericordia di Dio senza abusarne con la nostra pigrizia spirituale. Dobbiamo accrescere l’impegno a corrispondere questa misericordia con sincerità di cuore“.

In questo tempo di Quaresima – conclude il Pontefice – ogni fedele deve correggere qualcosa nella propria vita, nel proprio modo di pensare, di agire e di vivere le relazioni con il prossimo. Dobbiamo imitare la pazienza di Dio che ha fiducia nelle capacità di tutti di potersi rialzare e riprendere il cammino“. Bergoglio ha anche chiesto ai fedeli di pregare per lui in vista del viaggio a Loreto.

Di seguito il video con l’Angelus di Papa Francesco

ultimo aggiornamento: 24-03-2019

X