Secondo anniversario della morte di Davide Astori. Il presidente Commisso: “La Famiglia Viola ricorderà sempre il suo capitano”.

FIRENZE – Due anni senza Davide. Il 4 marzo 2020 è il secondo anniversario della morte di Astori, il difensore scomparso in una camera d’albergo di Udine per un malore improvviso. Sono passati 730 giorni da quella terribile mattinata anche se la Fiorentina ogni partita ricorda il Capitano entrato nel cuore di tutti e non solo dei tifosi della Viola.

E gli omaggi in questa triste ricorrenza non sono mancati. Dagli ex compagni ai presidenti delle squadre che hanno visto Astori protagonista. Sono passati due anni ma Davide non sarà mai dimenticato dal mondo del calcio e non solo.

Il ricordo (commosso) di Rocco Commisso

La Fiorentina ha cambiato dirigenza ma non ha dimenticato il suo Capitano. “In questa giornata – ha scritto Rocco Commisso in un messaggio – ricordiamo Davide Astori. Non ho avuto la fortuna di conoscere questo ragazzo, ma tutti quelli che mi hanno parlato di lui hanno avuto sempre parole eccezionali nei suoi confronti. Oggi il mio pensiero va alla sua famiglia, ai suoi cari, ai suoi compagni di squadra, ai suoi amici, ai tifosi e a tutti coloro che hanno pianto e si sono commossi per la tragica scomparsa di Davide. La Famiglia Viola ricorderà per sempre il suo Capitano“.

Davide Astori
Davide Astori

Il ricordo di Davide Astori

Il ricordo di Davide Astori in questi due anni non si è fermato a questa tragica ricorrenza. I tifosi della Viola in ogni partita hanno un coro per il loro Capitano e le iniziative in memoria del numero 13 dell’Italia non sono mai mancate.

Davide vive nel cuore di tutti gli appassionati e non solo. In campo la Viola ogni partita la gioca per lui e sarà così fino alla fine con Astori che è il vero simbolo della Fiorentina.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
calcio calcio news Davide Astori Fiorentina

ultimo aggiornamento: 04-03-2020


Rinviata anche Napoli-Inter, Marotta scrive alla Lega Serie A

Coronavirus, Serie A a porte chiuse fino al 3 aprile. Il nuovo calendario delle partite da recuperare