Anonymous continua la guerra informatica contro la Russia. Gli hacker hanno violato i servizi di streaming nel paese aggressore.

Si tratta di Wink e Ivi. Lo ha riferito un gruppo di hacker la notte di lunedì 7 marzo.

Anonymous ha annunciato una “caccia” ai server del governo russo

Ha trasmesso filmati di aggressori russi che bombardano i residenti di pacifiche città ucraine. Gli stessi video sono apparsi su Russia24, Channel One e Moscow24.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Netflix sospende il servizio in Russia

Netflix sulla TV

Netflix non ha specificato un motivo per sospendere i suoi servizi domenica, affermando che la mossa rifletteva “circostanze sul campo”. La società aveva precedentemente affermato che avrebbe rifiutato di trasmettere i canali televisivi di stato russi.

TikTok sospende live-streaming in Russia

La piattaforma video di proprietà cinese blocca i nuovi contenuti dopo che il Cremlino ha criminalizzato la segnalazione dell’invasione dell’Ucraina.

TikTok, di proprietà cinese, ha dichiarato che avrebbe bloccato lo streaming live e il caricamento di nuovi contenuti in Russia dopo che il Cremlino ha criminalizzato la diffusione di quelle che ritiene essere notizie false sulla sua invasione dell’Ucraina.

TikTok ha affermato su Twitter che è stata una fonte di “sollievo e connessione umana durante un periodo di guerra”, ma la sicurezza degli utenti e dei dipendenti della piattaforma video era la sua massima priorità. 

La BBC, la CNN e altri media globali hanno temporaneamente sospeso i servizi giornalistici in Russia per proteggere i loro giornalisti.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 07-03-2022


Zelensky: cosa fa la Nato?

Guerra in Ucraina, svelato il piano originario della Russia