Antifurto auto consigli e suggerimenti | Guida rapida

Antifurto auto consigli e suggerimenti: tutte le cose importanti da sapere

chiudi

Caricamento Player...

Antifurto auto consigli e suggerimenti: tutte le cose importanti da sapere per proteggere al meglio la nostra vettura e dormire sonni tranquilli.

Un problema sempre attuale

Purtroppo, nonostante il continuo e costante evolvere della tecnologia, i furti d’auto sono ancora un problema attuale. Il problema è che sì, i sistemi antifurto diventano sempre più sofisticati e avanzati, ma i malintenzionati non stanno a guardare. Anche loro imparano, crescono ed escogitano sistemi sempre più diabolici per aggirare le nostre difese.

È ormai praticamente impossibile trovare in commercio un’automobile senza antifurto installato di serie. Ma si tratta di una contromisura appena sufficiente. E di sicuro non garantisce la massima sicurezza. Ecco le cose da sapere importanti per sfruttare al meglio le risorse a propria disposizione.

I tipi principali di antifurto

Possiamo suddividere gli antifurto in tre categorie: meccanici, elettronici e satellitari. Ecco le loro caratteristiche principali:

  • Gli antifurto elettronici si basano sulla classica sirena. Diversi sensori e dispositivi vengono stimolati e producono un suono. Può trattarsi per esempio di sensori volumetrici che rilevano il calore umano all’interno dell’abitacolo, o dei piccoli microinterruttori posizionati in corrispondenza delle portiere che scattano quando vengono aperte senza lo sblocco via chiave.
  • Gli antifurto meccanici sono quelli che fisicamente rendono impossibile operare correttamente l’auto. Possiamo definirli una versione più evoluta dei lucchetti, ma il concetto è lo stesso. Un antifurto meccanico di serie è il bloccasterzo, che rende impossibile spostare il volante. Se ne possono acquistare anche aftermarket: da noi qualche anno fa spopolava il Bullock, per la sua originale campagna pubblicitaria.
  • Gli antifurto satellitari, infine, sono dei sistemi che permettono di localizzare sempre e comunque un’automobile agganciandosi appunto alla rete GPS. Fenomenali in teoria, ma molto facili da aggirare in pratica: basta schermare le antenne.