Ippolito Zandegiacomo ha sgozzato la madre e poi ha chiamato i carabinieri. L’uomo era stato già denunciato per stalking.

Aveva sgozzato e tagliato i polsi a sua madre Maria Luisa Bazzo, dopo un forte litigio. Dopo aver chiamato lui stesso i Carabinieri confessando l’omicidio, Ippolito Zandegiacomo è stato portato in ospedale in attesa di una visita psichiatrica. L’uomo già in cura da tempo per problemi mentali, aveva già ricevuto una denuncia per stalking.

Carabinieri
Carabinieri

Il corpo di Maria Luisa Bazzo, anziana di 87 anni, è stato trovato privo di vita durante la mattinata del 24 ottobre nella sua abitazione di Conegliano, a Treviso. A mandare l’allarme è stato il figlio 57enne, Ippolito Zandigiacomi, che si è dichiarato colpevole dell’omicidio. La donna sarebbe stata sgozzata intorno alle 8:30 del mattino.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

L’omicidio

Al culmine di un litigio, Ippolito Orsolina Zandegiacomo avrebbe sgozzato e tagliato i polsi di sua madre Maria con un coltellaccio da cucina. Poi, ha chiamato i Carabinieri, che si sono recati sul posto, dicendo: “Venite ho ammazzato mia madre”. Il patologo Antonello Cirnelli, su delega del pubblico ministero Michele Permunian, eseguirà un esame esterno della salma.

Il 57enne è stato sedato e accompagnato in ospedale a Conegliano, in attesa di essere trasferito in un’altra struttura più idonea. In attesa anche la perizia psichiatrica, si scopre che l’uomo era già in cura presso il centro di salute mentale di Conegliano.

La denuncia per stalking

Le indagini però portano a galla una denuncia per staking dell’uomo da parte di quella che lui riteneva “la sua ragazza”. Pensando che lei ricambiasse i sentimenti, la perseguitava: la vittima ha riferito ai carabinieri che l’uomo si presentava spesso, senza motivo, sul suo posto di lavoro.

Ippolito avrebbe anche confessato ad un conoscente, Gianni Somera, che andava a Padova per pregare, sperando che la donna restasse incinta.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 25-10-2022


Confermata la condanna di Brittney Griner in Russia

Caso Pifferi: i presunti abusi sessuali nei confronti della piccola Diana