Valle d’Aosta, condannato a 4 anni e sei mesi Augusto Rollandin

E’ stato condannato a 4 anni e 6 mesi l’ex governatore della Valle d’Aosta, Augusto Rollandin per corruzione. La Procura ne aveva chiesti sei.

AOSTA – Il Tribunale di Aosta ha condannato a quattro anni e sei mesi l’ex governatore e attuale consigliere regionale dell’Union Valdotaine, Augusto Rollandin per corruzione. La Procura aveva chiesto 6 anni ma alla fine i giudici hanno deciso per un piccolo sconto della pena. All’imputato è stata disposta anche l’interdizione dai pubblici uffici e con la legge Severino dovrà lasciare l’incarico in vigore.

Tribunale di Milano
fonte foto https://www.facebook.com/francesco.nicastro

Valle d’Aosta, condannato l’ex governatore Augusto Rollandin

Il processo si è svolto con rito abbreviato. Le accuse riguardavano alcune pressioni che l’ex presidente della Regione aveva fatto per far trasferire una società da un capannone di Autoporto Spa in modo da cedere la struttura ad un’altra azienda che aveva vinto una gara per opere da 120 mila euro.

Una condanna – dichiara il suo avvocato al termine della sentenza – che non si giustifica perché il materiale probatorio non dimostra l’esistenza di una corruzione, ora non possiamo far altro che aspettare le motivazioni e leggerle e certamente fare appello“.

Il processo, quindi, non sembra finire qui. Il legale dell’ex presidente ha annunciato di voler ricorrere in secondo e in terzo grado per far annullare la condanna al suo assistito. Un obiettivo non semplice da raggiungere visto che i giudici non sembrano voler ‘graziare’ l’ex governatore.

Le indagini si riferiscono a fatti ormai di diversi anni fa. Ma Rollandin non potrà in futuro esercitare l’attuale carica di consigliere regionale dell’Union Valdotaine per la legge Severino. Una vicenda che al momento non trova la soluzione definitiva visto che i legali hanno intenzioni di fare ricorso in appello dove dovrà essere ridiscussa la posizione dell’ex governatore. Per ora la condanna è di 4 anni e 6 mesi rispetto ai 6 anni chiesti dalla Procura.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/francesco.nicastro

ultimo aggiornamento: 28-03-2019

X