Atteso il via libera al Pnrr dell’Italia: avviato l’iter per l’approvazione, che dovrebbe concludersi in 24 ore.

Dopo mesi di discussioni, tensioni e confronti, il Pnrr dell’Italia dovrebbe ottenere il via libera: come riferito dall’Ansa, nella giornata del 21 giugno è stato avviato l’iter per l’approvazione del Piano presentato dal governo italiano.

La procedura scritta, il piano dell’Italia promosso a pieni voti

Il 21 giugno la Commissione europea ha avviato la procedura scritta. Si tratta della fase dell’iter di approvazione che non prevede la riunione dei commissari ma solo l’approvazione dei gabinetti, chiamati a dare il via libera in forma scritta.

Il piano dell’Italia, stando a quanto si apprende, è stato approvato e promosso con il massimo della valutazione

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Europa Unione europea
Europa Unione europea

Le prossime tappe dell’approvazione del Pnrr

Senza ulteriori commenti al testo, il piano viene approvato entro 24 ore dall’apertura della procedura scritta. A quel punto il piano sarà inviato nuovamente a Roma che prenderà visione delle note al testo. Successivamente il governo, qualora fosse necessario, dovrà adeguare il piano alla osservazioni della Commissione.

Al termine della fase di valutazione, la Commissione prepara un atto legislativo nel quale rientrano un elenco dei lavori previsti e la roadmap, quindi le scadenze. Dopo il via libera da parte del Consiglio, si procede con l’erogazione di una prima quota dei fondi, ossia il pre-finanziamento. Si tratta del 13% circa dei fondi destinati al Paese.

Sostanzialmente si inizierà a fare sul serio a partire dal 2022, quando i piani saranno approvati e avviati.

Europa Unione europea UE
Europa Unione europea

All’Italia 25 miliardi (circa) subito

Dopo il via libera all’Italia sarà erogato il prefinanziamento da 25 miliardi circa, ossia il 13% del totale destinato all’Italia da Bruxelles.

TAG:
governo Draghi primo piano

ultimo aggiornamento: 21-06-2021


Evasione fiscale, il bilancio 2020 della Guardia di Finanza

Cremona è la seconda città più inquinata in Europa