Arabia Saudita investe oltre 6,3 miliardi di dollari in sport: tentativo di 'Lavaggio dello Sport'?"
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Arabia Saudita investe oltre 6,3 miliardi di dollari in sport: tentativo di ‘Lavaggio dello Sport’?”

L’Arabia Saudita ha più che quadruplicato i suoi investimenti in ambito sportivo rispetto ai precedenti sei anni.

Nel corso di una mossa che è stata etichettata dai critici come un tentativo di distogliere l’attenzione dalle questioni inerenti i diritti umani, l’Arabia Saudita ha investito un notevole importo, stimato in almeno 6,3 miliardi di dollari (circa 4,9 miliardi di sterline), in vari settori sportivi dal 2021 ad oggi. Questa cifra rappresenta un aumento esorbitante rispetto a quanto investito precedentemente nel corso di un periodo di sei anni.

Le analisi condotte da The Guardian rivelano che nel corso degli ultimi due anni e mezzo, l’Arabia Saudita ha utilizzato miliardi di dollari provenienti dal suo fondo di investimento pubblico per finanziare il settore sportivo. Tali finanziamenti hanno avuto un impatto notevole, modificando radicalmente l’intero panorama del golf professionistico e rivoluzionando il mercato dei trasferimenti internazionali nel mondo del calcio.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Il lunedì scorso, il club di calcio saudita Al Hilal ha effettuato un’offerta di dimensioni record per l’acquisto del capitano francese, Kylian Mbappé. L’offerta, stimata intorno ai 300 milioni di euro (259 milioni di sterline), rappresenta un evento senza precedenti nel panorama calcistico mondiale.

L’investimento di 6,3 miliardi di dollari effettuato dall’Arabia Saudita nel corso degli ultimi anni è quasi equivalente al PIL di nazioni come il Montenegro o l’isola di Barbados. Tale somma ha sorpassato di gran lunga l’importo stimato due anni fa da Grant Liberty, che aveva calcolato che l’Arabia Saudita avesse speso circa 1,5 miliardi di dollari nel periodo tra il 2014 e l’inizio del 2021.

I gruppi per i diritti umani, tra cui Grant Liberty, Amnesty International e Human Rights Watch, hanno criticato questa massiccia spesa, definendola un tentativo di “lavaggio dello sport”. L’idea è che il paese stia cercando di finanziare eventi sportivi di grande importanza per distrarre l’attenzione dal suo scarso record in materia di diritti umani.

Nel passato, figure ed entità sportive di rilievo hanno rifiutato le offerte di impegnarsi con l’Arabia Saudita a causa delle sue ben documentate violazioni dei diritti umani. Tuttavia, Grant Liberty ha evidenziato un preoccupante cambiamento nella posizione morale di tali entità. Infatti, nonostante le continue e peggioranti violazioni dei diritti umani, sembra che adesso queste offerte vengano accettate a causa delle cospicue somme di denaro coinvolte.

Dopo l’assassinio del giornalista Jamal Khashoggi nel 2018, l’Arabia Saudita è stata largamente evitata dalla comunità internazionale, con molte grandi aziende che hanno ritirato o sospeso i loro investimenti nel paese. Ma negli ultimi due anni, la percezione del regno è cambiata drasticamente. Il presidente Joe Biden, che aveva precedentemente promesso di rendere l’Arabia Saudita un “paria” per l’omicidio di Khashoggi, ha visitato il paese l’anno scorso, dando un caloroso benvenuto al principe ereditario e leader de facto, Mohammed bin Salman.

The Guardian ha condotto un’analisi sugli investimenti effettuati dal Fondo per gli investimenti pubblici dell’Arabia Saudita (PIF), che è uno dei dieci maggiori fondi sovrani al mondo con un patrimonio stimato in 700 miliardi di dollari, e da altri enti governativi sauditi dal 2021 in poi. La somma totale di 6,3 miliardi di dollari, tuttavia, è probabilmente una sottostima dell’importo reale investito, poiché il PIF è notoriamente riservato riguardo alle sue finanze e i dettagli di alcuni accordi non vengono resi pubblici.

Il PIF ha suscitato preoccupazioni tra i gruppi per i diritti umani quando ha acquistato il Newcastle United per 391 milioni di dollari nell’ottobre 2021. In particolare, Amnesty International ha criticato il club dopo che le immagini trapelate mostravano modifiche alla sua divisa da trasferta per abbinarla ai colori della nazionale saudita.

Felix Jakens di Amnesty International ha affermato che la scelta “mette a nudo il potere del dollaro saudita e la determinazione del regno a smascherare il suo brutale record di diritti umani intriso di sangue”.

Nel corso dell’anno successivo, il PIF ha annunciato la sua intenzione di investire ulteriori 2,3 miliardi di dollari in sponsorizzazioni calcistiche. Questo ha incluso investimenti di grandi dimensioni, anche se non specificati, per acquisire quote di maggioranza in quattro squadre di calcio dell’Arabia Saudita. Questi club hanno speso generosamente per attirare giocatori di alto livello da tutto il mondo. In particolare, il club Al-Nassr ha ingaggiato la stella del calcio Cristiano Ronaldo per una somma di 200 milioni di dollari all’anno, rendendolo l’atleta più pagato al mondo.

Questo grande acquisto è stato seguito da una serie di firme di star e allenatori, tra cui Karim Benzema del Real Madrid, N’Golo Kanté del Chelsea, Roberto Firmino del Liverpool e l’ex allenatore dell’Aston Villa, Steven Gerrard.

Si dice che il calciatore Lionel Messi sia stato pagato circa 25 milioni di dollari dall’autorità del turismo dell’Arabia Saudita per la sua promozione del paese, incluso il posting di viaggi lussuosi sui social media. Messi ha ricevuto un’offerta da Al Hilal di 350 milioni di sterline, ma ha scelto invece la squadra americana MLS Inter Miami.

Nel febbraio di quest’anno, l’Arabia Saudita ha annunciato che avrebbe ospitato la Coppa del mondo per club FIFA 2023. Questa notizia ha sottolineato ulteriormente il profondo coinvolgimento del paese nel mondo del calcio Fino ad ora non è stata fornita alcuna risposta.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 29 Luglio 2023 9:04

Santanchè e il voto di sfiducia: un momento di riflessione sulla politica italiana

nl pixel