Paolo Silvio Mazzoleni, ex arbitro ora in pensione, ha parlato della sua battaglia contro il cancro, affrontata e vinta nel 2012 grazie al supporto della moglie.

L’arbitro Mazzoleni e il cancro, una storia dolorosa e commovente che l’ex fischietto italiano ha voluto raccontare in occasione di una delle tappe per la presentazione del suo libro autobiografico.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Paolo Mazzoleni e la malattia

Alla presenza dei giornalisti ma anche di tanti curiosi e amanti del calcio, Mazzoleni ha parlato del momento più difficile della sua carriera e della sua vita. Era il 2012 quando ha dovuto fare i conti con la partita più difficile della sua vita. Quella contro la malattia.

Paolo Silvio Mazzoleni
Paolo Silvio Mazzoleni

Nel 2012 ho sconfitto il cancro. In Milan-Juve di Coppa Italia, l’8 febbraio 2012, ero a terra – ha raccontato Mazzoleni come riportato da la Gazzetta dello Sport. Mia moglie Daiana mi prese per mano e mi convinse a continuare. Arbitrai Fiorentina-Udinese la domenica prima, il lunedì entrai all’Istituto dei Tumori di Milano per l’operazione e per il mercoledì rifiutai il cambio di designazione offertomi dal designatore Stefano Braschi. È stata una scelta di vita, allietata tre anni dopo dalla nascita di mio figlio Riccardo“.

Il futuro e i tatuaggi dell’arbitro Mazzoleni

Sono due gli argomenti di cui non avrebbe non potuto parlare: il suo futuro e i suoi tatuaggi. Mazzoleni anche sulla rete è famoso per i tanti disegni sulla pelle. È un vero appassionato e non è intenzionato a fermarsi.

Non so se farò il pensionato o la mia sezione Aia mi darà incarichi. Di sicuro non mi vedrete a commentare i rigori in tv, la categoria arbitri nel piccolo schermo è in overbooking. Ho 45 tatuaggi, ma mi voglio tatuare anche le 210 partite in Serie A“.

calcio news

ultimo aggiornamento: 13-06-2019


Milan, idea Kramaric per l’attacco

Milan, affare Sensi: il Sassuolo vuole una contropartita