ArcelorMittal ha perfezionato l’acquisto dell’Ilva. Lakshmi Mittal: “Sono fiducioso che riusciremo a ripristinare le prestazioni operative, finanziarie e ambientali”.

Ilva – Un nuovo passo importante è stato compiuto nel caso Ilva. ArcelorMittal ha infatti comunicato di aver completato l’acquisizione dell’azienda che sarà inserita nel nuovo polo ArcelorMittal Italia.

ArcelorMittal ha concluso l’acquisto dell’Ilva, Lakshi Mittal: “È un asset di qualità che offre un’opportunità unica di espandere e rafforzare la nostra presenza in Europa”.

La notizia è stata commentata con grande soddisfazione da Lakshmi Mittal, presidente di ArcelorMittal: “Ilva è un asset di qualità che offre un’opportunità unica di espandere e rafforzare la nostra presenza in Europa, acquisendo il sito di produzione di acciaio più grande d’Europa”, ha dichiarato Mittal come riportato dall’ANSA.

“Vantiamo una lunga storia di rilancio di asset poco efficienti. Sono fiducioso nel fatto che riusciremo a ripristinare le prestazioni operative, finanziarie e ambientali di Ilva e che, nel farlo, creeremo valore per la nostra società, gli stakeholder di Ilva e l’economia italiana”, ha concluso il presidente di ArcelorMittal.

Ilva
fonte foto https://twitter.com/Ettore_Rosato

Riflettori puntati sull’Ilva

Gli occhi di migliaia di italiani sono ora puntati sull’Ilva che negli ultimi mesi ha rappresentato uno dei casi più spinosi per il Movimento Cinque Stelle.

Dopo la promessa di chiudere l’impianto, Luigi Di Maio è tornato indietro affermando di non poter ritirarsi dalla trattativa con ArcelorMittal, una mossa che è costata al Movimento diverse centinaia di voti di elettori che si sono sentiti traditi e sono scesi in strada per protestare contro il tradimento di Di Maio, accusato di aver illuso e deluso centinaia di cittadini.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
ArcelorMittal economia Ilva luigi di maio

ultimo aggiornamento: 01-11-2018


Ryanair, l’Antitrust sospende il supplemento sul bagaglio a mano

Trento, Fugatti: cambierò Festival dell’Economia, c’è troppa sinistra