Diego Armando Maradona è stato operato con successo a Buenos Aires. Il dottore: “Intervento riuscito, ora è sotto osservazione”.

BUENOS AIRES – Il mondo tira un sospiro di sollievo per Diego Armando Maradona. L’ex numero 10 di Argentina e Napoli è stato infatti operato al cervello per un ematoma.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

“Operazione riuscita, ora sotto osservazione”

L’intervento è stato effettuato dal medico personale presso una clinica privata della capitale argentina, Leopoldo Luque, il quale ha dichiarato: “Siamo riusciti a rimuovere il coagulo di sangue. Diego ha affrontato bene l’operazione. È sotto controllo. C’è un po’ di drenaggio. Rimarrà sotto osservazione“. Il portavoce di Maradona, Sebastian Sanchi, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “L’intervento a Maradona è stato un successo. Tutto è andato come previsto, Diego sta bene e sta riposando nella sua stanza“.

https://www.youtube.com/watch?v=DsSA2Qev12U&ab_channel=Am%C3%A9ricaTV

Il problema di Maradona

L’ematoma subdurale è un coagulo di sangue che fuoriesce dalle vene e mette sotto pressione il cervello. Può ferire o lacerare il tessuto cerebrale vicino. In altri casi, la quantità di sangue non è abbastanza significativa e si ha una prognosi migliore. Il quadro clinico di Maradona è peggiorato nelle ultime settimane ed è esploso in vista del suo 60° compleanno. Era in pubblico nei pochi minuti in cui ha potuto essere presente sul campo del Gimnasia per il debutto della sua squadra in Coppa.
Avrà sbattuto la testa e non se ne sarà reso conto, capita dopo le pillole che prende per la mancanza del sonno. Erano diversi giorni che era abbattuto, è molto giù a livello psicologico e a questo si è aggiunta anche l’anemia“, così avevano detto Stefano Ceci, amico e manager di Diego Armando Maradona.

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-11-2020


Il vicario del vescovo di Macerata: “Aborto più grave della pedofilia”

Coronavirus, 28.244 nuovi casi in un giorno. I medici: “Rischio tsunami per il servizio sanitario”