Diego Armando Maradona è stato operato con successo a Buenos Aires. Il dottore: “Intervento riuscito, ora è sotto osservazione”.

BUENOS AIRES – Il mondo tira un sospiro di sollievo per Diego Armando Maradona. L’ex numero 10 di Argentina e Napoli è stato infatti operato al cervello per un ematoma.

“Operazione riuscita, ora sotto osservazione”

L’intervento è stato effettuato dal medico personale presso una clinica privata della capitale argentina, Leopoldo Luque, il quale ha dichiarato: “Siamo riusciti a rimuovere il coagulo di sangue. Diego ha affrontato bene l’operazione. È sotto controllo. C’è un po’ di drenaggio. Rimarrà sotto osservazione“. Il portavoce di Maradona, Sebastian Sanchi, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “L’intervento a Maradona è stato un successo. Tutto è andato come previsto, Diego sta bene e sta riposando nella sua stanza“.

https://www.youtube.com/watch?v=DsSA2Qev12U&ab_channel=Am%C3%A9ricaTV

Il problema di Maradona

L’ematoma subdurale è un coagulo di sangue che fuoriesce dalle vene e mette sotto pressione il cervello. Può ferire o lacerare il tessuto cerebrale vicino. In altri casi, la quantità di sangue non è abbastanza significativa e si ha una prognosi migliore. Il quadro clinico di Maradona è peggiorato nelle ultime settimane ed è esploso in vista del suo 60° compleanno. Era in pubblico nei pochi minuti in cui ha potuto essere presente sul campo del Gimnasia per il debutto della sua squadra in Coppa.
Avrà sbattuto la testa e non se ne sarà reso conto, capita dopo le pillole che prende per la mancanza del sonno. Erano diversi giorni che era abbattuto, è molto giù a livello psicologico e a questo si è aggiunta anche l’anemia“, così avevano detto Stefano Ceci, amico e manager di Diego Armando Maradona.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
Argentina Diego Armando Maradona News primo piano

ultimo aggiornamento: 04-11-2020


Il vicario del vescovo di Macerata: “Aborto più grave della pedofilia”

Coronavirus, 28.244 nuovi casi in un giorno. I medici: “Rischio tsunami per il servizio sanitario”