Orrore in Argentina: 22enne lega il suo cane a un albero e lo uccide a calci. “Abbaiava di notte”

Argentina, ragazzo di ventidue anni lega il suo cane a un albero e lo uccide a bastonate e calci. “Ha abbaiato tutta la notte, non mi ha fatto dormire”.

Orrore in Argentina, dove un ragazzo di ventidue anni ha legato il suo cane a un albero e poi lo ha ucciso a calci. Il motivo, avrebbe spiegato in seguito il ragazzo, sarebbe che il cane, abbaiando, non lo avrebbe fatto dormire.

Argentina, ragazzo di ventidue anni uccide il suo cane a calci e bastonate

I fatti si sono svolti in Argentina, a Santiago del Estero. Il carnefice è un ragazzo di appena ventidue anni che ha deciso di uccidere il suo cane, colpevole di aver abbaiato durante la notte.

Polizia brasiliana
Fonte foto: https://www.facebook.com/statoquotidiano/

Il video dell’atroce crimine

L’atroce crimine è stato anche filmato e il video amatoriale mostra il ragazzo intento a uccidere il suo cane, legato a un albero, a calci. In poche ore il filmato è diventato virale, passando prima su Whatsapp e poi sulla rete.

Il ventiduenne in stato di fermo in attesa di giudizio

Le immagini sono però arrivate anche alle autorità che hanno rintracciato il criminale, attualmente in stato di fermo in attesa della decisione del giudice del Tribunale. Il ragazzo ha provato a giustificare il suo gesto affermando che ha ucciso il cane perché aveva abbaiato durante la notte impedendogli di dormire. I futili motivi potrebbero rappresentare addirittura un’aggravante in sede di giudizio. Alla corte il compito di stabilire se si tratti di un individuo potenzialmente pericoloso per la comunità.

ultimo aggiornamento: 13-01-2019

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X