Blitz a Condofuri, in provincia di Reggio Calabria. Arrestato il boss Giuseppe Pelle, che era ricercato dal 2016.

REGGIO CALABRIA – Nuovo blitz della Squadra Mobile di Reggio Calabria che alle prime ore di questa mattina ha arrestato il boss Giuseppe Pelle, latitante dal 2016.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Carabinieri
FONTE FOTO: https://www.facebook.com/carabinieri.it/

L’uomo è stato individuato in un’abitazione isolata nei pressi di Confoduri, a pochi chilometri dalla ‘sua’ San Luca. Il boss si nascondeva in una delle contrade più impervie di tutta la provincia.

Un bunker naturale, assediato questa notte da cinquanta uomini della Squadra Mobile di Reggio Calabria, che con un blitz rapidissimo sono entrati in casa e lo hanno arrestato. Pelle non ha opposto resistenza.

Blitz a Confoduri, arrestato Giuseppe Pelle

Giuseppe Pelle era l’attuale capo politico, strategico e operativo di una delle più importanti famiglie di tutta la ‘ndrangheta calabrese e al vertice della Provincia, l’organismo di raccordo di tutta l’ala operativa di tutti i clan del reggino.

Pelle non è stato per decenni semplicemente il regista delle strategie economiche e criminali del proprio clan. Per i magistrati, il boss è stato anche per anni l’abile tessitore di importanti carriere politiche.

In occasione di diverse consultazioni elettorali, infatti, diversi politici si sono recati da Pelle per chiedere appoggi e voti. A mostrare gli incontri tra il boss e i politici è stata una videocamera sfuggita agli uomini del boss. Le immagini hanno ripreso le visite di Santi Zappalà, e, tra gli altri, dell’ex senatore Antonio Caridi, il quale si è recato dal boss poco prima delle elezioni regionali che lo hanno portato prima in Consiglio e poi nella Giunta guidata all’epoca da Giuseppe Scopelliti.

Il video con l’arresto di Giuseppe Pelle a Confoduri

https://www.youtube.com/watch?v=mMZfXERCNCc

 


Arbitri minacciati con pallottole, le rivelazioni di Nicchi

Elicottero della Marina militare cade in mare, un morto