Arrestato il noto storico Oleg Sokolov. L’uomo ha ucciso la compagna ed ex studentessa e poi gettato i resti in un fiume.

SAN PIETROBURGO (RUSSIA) – E’ stato arrestato il noto storico Oleg Sokolov. Il fermo è avvenuto nella giornata di sabato 9 novembre 2019 per l’omicidio della 24enne Anastassia Echtchenko, ex studentessa e compagna dell’esperto di Napoleone. Secondo quanto riferito dai media russi, il professore ha confessato di aver ucciso la giovane. I motivi di questo omicidio non si conoscono con gli inquirenti che preferiscono mantenere il massimo riserbo sulla vicenda visto la notorietà della persona indagata.

La ricostruzione della vicenda

Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, l’omicidio sarebbe venuto nella stessa giornata di sabato. Il professore ha prima ucciso la compagna molto probabilmente al termine di una lite e poi l’ha fatta a pezzi con i resti messi in uno zaino.

Subito dopo l’uomo si è recato nei pressi del fiume Moika per fare sparire il corpo della compagna. E qui è stato fermato dalle autorità locali che lo hanno ripescato dalle acque e portato in carcere. L’arresto è stato convalidato il giorno dopo con il 63enne che ha confessato di aver ucciso la fidanzata più giovane. I motivi di questo omicidio non si conoscono e la vicenda sarà chiarita nelle prossime ore.

Ambulanza
Ambulanza

Russia sotto shock

L’arresto di Oleg Sokolov ha fatto andare la Russia sotto shock. L’uomo, infatti, è molto conosciuto in tutta la nazione per essere un esperto di Napoleone oltre che in passato è stato insignito in Francia della Legion d’Onore. Un riconoscimento importante che potrebbe essere tolto nelle prossime ore visto quanto nella giornata di sabato.

La confessione è avvenuta qualche ora dopo la morte della compagna. Il 63enne al momento si trova in ospedale in stato di ipotermia. Le autorità locali a breve dovrebbero convalidare il fermo dello storico.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
esteri napoleone oleg sokolov Russia

ultimo aggiornamento: 10-11-2019


A Firenze coperta con la vernice la targa di Idy Diene. Profanate 80 lapidi in un cimitero ebraico danese

Scontri a Hong Kong, la polizia spara: grave un manifestante