Tre ragazzi sono stati arrestati a Catania per violenza sessuale nei confronti di una 19enne americana. Abuso ripreso con i telefonini.

CATANIA – Tre ragazzi di Catania sono finiti in manette per una violenza sessuale di gruppo su una giovane americana che si trova in Sicilia da circa tre mesi e lavora come babysitter. Gli abusi sarebbero avvenuti nella serata del 15 marzo 2019. A incastrare i presunti aggressori un video che hanno girato durante il compimento dell’atto. Uno di loro ha inviato il filmato alla 19enne chiedendole di uscire. Lei, però, ha fatto vedere tutto ai militari che, dopo aver identificato il branco, ha emesso un mandato cautelare in carcere per i tre.

Green Pass obbligatorio, le regole dal 15 ottobre

Carabinieri
Pattuglia dei carabinieri (fonte foto: https://www.facebook.com/carabinieri.it/)

Catania, ragazza americana violentata da un gruppo di tre ragazzi

La vicenda della violenza risale al 15 marzo. Secondo una prima ricostruzione degli inquirenti, la ragazza è stata avvicinata dai tre giovani che si sono intrattenuti con lei per un drink. Successivamente l’hanno invitata ad un altro bar per continuare a bere ma durante il tragitto l’hanno costretta a salire sulla macchina per portarla in un luogo isolato dove si è svolta la violenza.

La 19enne ha raccontato tutto alla madre e alla sorella. I familiari le hanno consigliato di denunciare e grazie all’aiuto della famiglia dove lavorava la giovane ha deciso di esporre un esposto ai carabinieri, portando anche il video che uno dei suoi violentatori le ha inviato subito dopo l’abuso. Proprio tramite questo filmato i militari sono riusciti a fermare i tre ragazzi siciliani che ora si trovano in carcere in attesa del processo. Per la studentessa americana ora arriva il periodo più complicato visto che dovrà dimenticare quanto successo il prima possibile per ritornare a vivere in maniera normale dopo questo episodio che sicuramente la segnerà per sempre.

fonte foto copertina https://pixabay.com/it/polizia-carabinieri-auto-3394767/

ultimo aggiornamento: 26-03-2019


Incendio a Cogoleto, sequestrato cavo di traliccio Enel

Sedici migranti sbarcano a Lampedusa, il sindaco: Il porto è aperto