Mantenimento e assegno per lo stesso. Il provvedimento e come si va definendo quello che c’è dietro.

Definizione dell’Assegno di Mantenimento

L’assegno di mantenimento è quel accorgimento economico che viene decretato da un giudice ma che al contempo può anche essere deciso consensualmente da due ex coniugi che in sede di separazione si accordano privatamente su termini e condizioni dello stesso.

Il mantenimento economico consiste nell’elargizione e nel versamento di una somma di denaro, che può subire delle modifiche nel corso del tempo, e che viene rivolta al coniuge che sul piano economico è più debole.

I Presupposti per l’ottenimento dell’assegno di mantenimento

L’assegno in oggetto è un obbligo relativo all’assistenza materiale che si esplica dopo il contratto matrimoniale e quando questo va a decadere ma solo in condizioni specifiche che verranno di seguito messe in evidenza ed elencate.

  • Per prima cosa vale la richiesta esplicita posta in essere direttamente nella domanda di separazione dal coniuge richiedente
  • Altra condizione è quella nella quale al coniuge che richiede il mantenimento non può essere attribuito l’addebito della separazione
  • La o il coniuge che fa richiesta dell’assegno, non deve avere quelli che vengono definiti come adeguati redditi propri
  • Il coniuge che deve versare l’assegno deve poter disporre di un congruo mezzo economico al fine di garantire tale mantenimento

Questo tipo di accordo finanziario volto al sostegno del coniuge che ha minori entrate e/o una condizione economica peggiore rispetto all’altro coniuge consiste in un assegno che va corrisposto in maniera periodica.

Generalmente la scadenza dello stesso è mensile e la somma di denaro concordata – lo ricordiamo – e suscettibile di modifiche nel corso del tempo, può essere in unica soluzione o in più soluzioni.

Anche le voci di spesa sono comprese nell’elargizione dell’assegno, per fare un esempio, voci quali:

  • il canone di affitto
  • le spese condominiali

Rientrano nelle motivazioni plausibili relative al versamento della somma di denaro accordata.

certificato_unicasim


Finanziamento a tasso 0 che cos’è e dove si applica

Denuncia dei redditi: chi è chiamato a presentarla?