L’INPS, l’assegno per nucleo famigliare, i limiti, le domande e molto altro nell’articolo a seguire.

Importi degli assegni per Nucleo Famigliare

L’Inps ha di recente pubblicato l’aggiornamento relativo agli importi degli assegni destinati al nucleo familiare per il 2017.

Questi aggiornamenti hanno confermando le fasce reddituali e gli importi di questa agevolazione basandosi sui redditi relativi al biennio precedente ovvero il 2015-16.
Attraverso la pubblicazione della circolare n. 92/2016 l’Istituto ha confermato gli importi e le fasce di reddito alle quali la concessione degli assegni al nucleo familiare devono attenersi e precedentemente questi erano stati stabiliti dal documento n. 109/2015.

Rinnovo e Presentazione della Domanda

Avendo visto che per nucleo famigliare non sono state apportate modifiche alle soglie di reddito l’argomento relativo a questa agevolazione è quello della presentazione o del rinnovo della domanda.

In tema di presentazione della domanda o meglio di rinnovo della domanda va detto che la prescrizione è su base di 5 anni di conseguenza anche se la domanda viene presentata in ritardo colei o colui che la presenta ha ugualmente diritto anche agli arretrati dell’importo dell’assegno al nucleo familiare.

Questi comunque non devono confondere le persone, infatti gli assegni famigliari elargiti dai Comuni non hanno a che fare nulla con le condizioni e con le agevolazioni per nucleo famigliare previsti ed erogati dall’Inps.

Inflazione e Assegni

Quando si discute di limiti relativi al reddito questi sono sottoposti nei calcoli Inps ad un altro dato, quello relativo all’inflazione.

Essendo rimasta questa stabile i limiti di reddito per accedere a questo assegno elargito dall’Inps rimangono invariati quindi.

Comunque se si vuol prendere visione delle regole Inps relative a questo assegno esiste la pagina dedicata allo stesso.

Definizione di assegni per nuclei famigliari

Questi assegni rappresentano una forma di agevolazione e di aiuto a supporto del reddito delle famiglie di cui fanno parte componenti di specifiche categorie lavorative.

Sono erogati tramite domanda dall’Istituto Nazionale di Previdenza (INPS) e possono essere elargiti solo e unicamente se i richiedenti rientrano in specifici parametri di Legge.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 17-02-2017


Pignoramenti presso terzi – Il Contributo unificato

Quando si può avere il TFR?