Abitudine molto diffusa quella dell’assegno postdatato in Italia, nel corso del tempo sono state apportate modifiche a questo strumento.

Cos’è l’assegno postdatato

Vengono definiti come assegni postdatati quelli che al momento della loro emissione, trovano apposta una data successiva a quella nella quale avviene la consegna al soggetto che riscuoterà il pagamento.

Questa prassi è fuori dalla Giurisprudenza

Va detto anche che pur essendo un abitudine consolidata quella dell’assegno postdatato anche se vi è un accordo tra le parti sulla data di ricezione della somma la giurisprudenza ha stabilito che tale accordo è nullo.

In sostanza tale presa di posizione si converte nel principio secondo cui l’assegno può essere portato all’incasso prima della scadenza apposta, dovendo pagare l’imposta di bollo che sarebbe stata pagata nel caso in cui ci si fosse riferiti ad una cambiale, con ipotetica applicazione di una sanzione, quella che viene prevista per legge e che pone delle percentuali ben precise che oscillano dall’1,2% al 2,4%.

Emissione dell’assegno e modifiche di Legge

Come detto l’abitudine all’assegno postdatato in Italia è ancora molto diffusa ma nel corso del tempo in virtù di diverse considerazioni anche di prevenzione, sono state apportate modifiche alle cifre dell’assegno e tali modifiche hanno riguardato la Legge Vigente.

La disciplina inerente l’emissione dell’assegno ha superato lo status di titolo illegale attraverso l’introduzione della suddetta sanzione che risulta essere di tipo amministrativo, tale sanzione è connessa all’evasione dell’imposta di bollo che viene applicata nel caso specifico delle cambiali.

Il consiglio quindi inerente a questa forma è quello di concederla solo e quando – il più raramente possibile – si ha la certezza che dall’altra parte la parte debitrice sia assolutamente credibile nelle sue intenzioni e che sia garante della fiducia che in essa viene riposta. Calcolando appunto tale pagamento differito, c’è infatti il rischio che l’incasso possa avvenire prima della scadenza data.

certificato_unicasim


Assegno di Disoccupazione, chi ne ha diritto e come fare domanda

Assegno di Accompagnamento, di cosa si tratta