Che cosa si intende per assegno protestato? Cosa comporta l’emissione di tale tipologia di assegno? Come cancellare il protesto.

Cos’è un assegno protestato

Se si parla di assegno protestato si deve parlare di un assegno nei confronti del quale che è stato messo in protesto ovvero avviando un procedimento che ne attesta il mancato pagamento in relazione alla somma che su di esso viene specificata.

Questo procedimento è in linea di massima gestito da un notaio o da un ufficiale giudiziario. Mentre per quanto riguarda il tema dell’incasso delle somme questo non avviene nemmeno se l’assegno viene presentato in banca per l’incasso in quelli che sono i tempi utili specificati dalla legge.

Assegno protestato e tutela del soggetto creditore

Si tratta in questo caso il tema della tutela del soggetto creditore, tale tema riguarda ovviamente un assegno protestato e la persona che riceve tale assegno e che si trova scoperto anch’esso dallo scoperto originale di chi ha emesso l’assegno.

Tale forma di tutela viene gestita attraverso un processo che tende a perseguitare per così dire, chi ha emesso l’assegno protestato e anche se ce ne sono, eventuali persone che hanno girato l’assegno in oggetto.
L’istituto del protesto ha validità probatoria, questo perché si tratta sempre e comunque di un atto pubblico che di conseguenza può essere impugnato in sede giudiziaria e quindi dentro ad un tribunale. Protesto= mancato pagamento quindi.

Ovviamente anche le banche si tutelano in tale contesto e lo fanno rilasciando una dichiarazione nella quale si attesta l’avvenuta presentazione dell’assegno rispettando i tempi utili ma si evidenzia che l’assegno non è stato pagato.

Questa tipologia di dichiarazione viene poi presentata in Camera di Commercio e ha lo scopo di comunicare il protesto e di far inserire il nominativo del soggetto che è titolare del conto corrente nell’elenco dei “protestati”.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 10-03-2017


Quando è obbligatoria la dichiarazione dei redditi?

I benefici dell’investire in valute pregiate