Insulti dopo flash mob a Bologna, assessora Pd cita in giudizio Salvini

Insulti social, assessora Pd in piazza con le Sardine cita in giudizio Salvini

L’assessora di Pianoro Silvia Benaglia (Pd) cita in giudizio Salvini e la Borgonzoni dopo le offese ricevute sui social. Aveva partecipato al flash mob delle Sardine a Bologna.

Silvia Benaglia, assessora del Comune di Pianoro, cita in giudizio Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni per le offese ricevute sui social per la sua partecipazione al flash mob a Bologna delle Sardine.

Movimento delle Sardine
Fonte foto: https://www.facebook.com/carloalberto.notaris

Insulti ad assessora Pd scesa in piazza con le Sardine a Bologna: lei cita in giudizio Salvini e Borgonzoni

La Benaglia ha ricevuto migliaia di insulti anche pesanti. Per questo motivo ha deciso di muoversi per vie legali e, insieme con il suo avvocato Cathy La Torre, di citare in giudizio Salvini e Borgonzoni.

Silvia Benaglia, “Io sono spaventata”

“Io sono spaventata, la mia famiglia è preoccupata, non ho fatto nient’altro che andare a una manifestazione di piazza”, ha dichiarato Silvia Benaglia commentando le offese e le minacce ricevute. L’assessora era in piazza Maggiore insieme con le Sardine. Come spesso accade la sua partecipazione finisce con una foto che viene caricata sui social. E ha particolare risonanza mediatica perché lei è membro di una giunta a guida Pd.

Matteo Salvini
Fonte foto: Fonte foto: https://www.facebook.com/salviniofficial

La foto virale sui social

Ma c’è di più. La foto in questione è diventata in qualche modo il simbolo della protesta. Allo scatto in piazza viene associata una frase, “delinquenti prestati alla politica“. La frase in questione però è stata decontestualizzata. L’assessora l’ha pronunciata ma parlando di un caso di cronaca.

La posizione dell’avvocato dell’assessora Pd di Pianoro

Chiediamo a un giudice di esprimersi sulla legittimità di un’operazione simile. Può l’immagine di una persona che ha partecipato a una pacifica manifestazione pubblica essere presa, manipolata, accostata a una frase pronunciata in un altro contesto e poi usata come propaganda elettorale che viene vista da 10 milioni di persone?“, ha commentato la legale di Silvia Benaglia come riportato da la Repubblica.

ultimo aggiornamento: 20-11-2019

X