Le assicurazioni viaggio vengono scelte per sentirsi tranquilli quando si viaggia per lavoro o per svago. Ecco di cosa si tratta, cosa coprono e i consigli utili per sceglierle.

Assicurazioni viaggio migliori: quali sono

Una polizza viaggio è un contratto stipulato tra la compagnia di assicurazioni e il viaggiatore. Con questo accordo, l’agenzia si impegna a rimborsare e ad intervenire se si presenta uno degli imprevisti riportati nel contratto stesso. In compenso, l’assicurazione richiede una quota per il servizio offerto e una serie di dati per valutare i rischi caso per caso.

Quali sono le assicurazioni migliori per viaggiare? Non sempre sono quelle che costano meno. Spesso, sono quelle che hanno il miglior rapporto tra prezzo e modalità di intervento. Per esempio, un’ottima polizza viaggio tutela situazioni di rischio comuni con un massimale che, di solito, copre quel tipo di imprevisto.

La polizza si può valutare tramite preventivo, prima di firmare il contratto e pagare l’importo dovuto, così da poter fare una scelta consapevole prima di partire.

Cosa coprono le assicurazioni viaggio

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

assicurazione viaggio consigli
Fonte immagine: https://pixabay.com/it/calma-libert%C3%A0-ubicazione-2935908/

Le situazioni più comuni come: perdita dei bagagli, annullamento del viaggio o se ci si sente male quando ci si trova all’estero, sono coperte dalle assicurazioni.

Queste sono definite coperture di base. Ci sono delle situazioni però dove la polizza interviene solo se si paga una quota extra per attivare anche altre coperture. Per esempio, se si decide di ottenere la copertura per il rimpatrio in caso di malattia, oppure se si chiede l’annullamento del viaggio senza specificarne il motivo.

Se si porta un oggetto prezioso in viaggio, si può chiedere alla compagnia di tutelarlo durante il volo e il soggiorno nel Paese straniero. In questo caso, la compagnia di assicurazioni dovrà prima valutare l’oggetto e solo dopo potrà fornire un preventivo preciso.

Tra le coperture aggiuntive, ci sono anche quelle che aumentano il massimale della polizza. Se, di base, il massimale è di 5.000 Euro per un determinato caso, si può ottenere una copertura di 8.000 Euro pagando di più la polizza.

Ecco un caso concreto.

Polizza medico bagaglio, con copertura spese mediche per 5.000 Euro, per un viaggio all’estero di 4 giorni —> La polizza costa 100 Euro.

Polizza medico bagaglio, con copertura spese mediche per 8.000 Euro, per lo stesso viaggio all’estero di 4 giorni —> La polizza costa 180 Euro.

Di partenza, il massimale da 5.000 Euro può coprire le spese mediche, ma una persona che soffre di particolari patologie o che sa che in un determinato paese le spese mediche costano di più, può scegliere di tutelarsi in questo modo per evitare di pagare di tasca propria perché la cifra del massimale non basta a coprire le spese.

Assicurazioni viaggio annullamento: cos’è?

L’annullamento viaggio è tra le coperture base di una polizza. Se si annulla il viaggio, la compagnia assicurativa rimborsa le spese sostenute come penali e come costo di biglietti, hotel, ecc. (se sostenute e se non sono state già rimborsate dalla società di trasporto o dall’hotel). Si può attivare questa copertura solo se ci sono stati reali impedimenti.

Per “reali impedimenti” si intendono: la morte di un parente prossimo (o la propria!), interventi urgenti in ospedale (propri o di un parente strettissimo), oppure nel caso in cui si venga convocati in tribunale proprio il giorno della partenza.

Tutte le altre casistiche di annullamento non fanno testo se si è sottoscritta una polizza base. Se, invece, si era già scelto in precedenza di ottenere altre coperture, allora nella casistica saranno inclusi: annullamento per gravidanza, per impedimento di lavoro o, più semplicemente, l’annullamento senza un motivo preciso.

La polizza terrà conto di queste richieste e sarà anche un po’ più cara. Una volta annullato il viaggio e pagate tutte le penali, le copie dei pagamenti eseguiti vanno inviate, insieme alla richiesta di rimborso, con raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite PEC, alla compagnia di assicurazioni.

Si dovrebbe aggiungere anche la copia del contratto della polizza, il cui numero deve essere riportato sulla richiesta. A questo punto, la compagnia rimborserà direttamente sul conto corrente dell’assicurato, inserendo nella causale che si tratta della polizza scattata.

Assicurazioni viaggio consigli

I documenti della polizza vanno sempre conservati durante il viaggio e anche dopo, per averli a portata di mano in caso di controlli. Quando si è all’estero, questi documenti vanno messi insieme a quelli di riconoscimento, per dimostrare un ingresso legale nel paese estero.

In alcuni paesi, la polizza è un obbligo, ma conviene farla sempre per essere garantiti durante la visita. I preventivi mettono nero su bianco tutte le condizioni. Basta un po’ di attenzione per evitare odiose truffe.

Per esempio, la persona che si assicura dovrebbe controllare che il sito della compagnia abbia la sede fisica riportata in fondo alla pagina, oppure nelle pagine di contatto. La compagnia, per essere valida in Italia, deve essere nel registro dell’IVASS. Sul sito ufficiale, c’è proprio una barra di ricerca, dove si può cercare il nome della compagnia e assicurarsi che sia valida. Insomma, basta un click.

Per scegliere la polizza migliore, basta guardare tre voci:

  1. Copertura. Deve esserci sempre e deve essere chiara sui casi dove si applica.
  2. Franchigia. Se è zero o e bassa, si eviterà di pagare anche un caso coperto dall’assicurazione!
  3. Massimale. Deve essere opportuno per la copertura scelta. Se la copertura è “Spese mediche per medicinali”, il massimale non può essere 10 Euro, perché non sarebbe abbastanza per coprire nemmeno il minimo delle spese. Di solito, le compagnie mettono un massimale che va ben oltre questa cifra.

Le voci si trovano in qualsiasi preventivo per assicurazione viaggi. Quindi, non si avranno problemi a riconoscerle e a valutarle caso per caso. Se ci si trova bene, si può richiedere anche una polizza rinnovata alle stesse condizioni, a patto di chiedere alla stessa compagnia.

L’assicurazione è una delle poche certezze che si possono avere prima di partire. Per questo, è importante sceglierla bene e cercare le coperture giuste per vivere esperienze fantastiche senza preoccupazioni.

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/auto-panorama-montagna-natura-1845573/


Consigli di viaggio per Natale, idee per quest’anno

Assicurazione viaggio dall’estero: si può fare? E come?