Assunzioni 2017 cosa prevedono le manovre del Governo

Assunzioni 2017, le agevolazioni e le misure fiscali previste dal Governo

Assunzioni 2017, agevolazioni per i datori di lavoro. Queste ultime costituiscono una novità spesso e a seguire la guida le elencherà.

Assunzioni, le conferme

Per l’anno 2017 vengono confermati i Bonus o agevolazioni che dir si voglia che fino all’anno scorso sussistevano.

Per l’anno 2017 i datori di lavori del settore privato che prenderanno la decisione di assumere usufruiranno di alcune agevolazioni di grande rilevanza.

Sud e Assunzioni

La Legge di Bilancio 2017 ha diverse voci tra le quali si trovano diversi riferimenti al sud Italia e al contrasto alla disoccupazione in quest’area del paese.

Entrando nello specifico i Bonus che permettono di accedere allo sgravio contributivo e che di fatto consentiranno ai datori di lavoro di ottenere dei benefici economici, si concentrano sull’idea delle assunzioni di nuovo personale e focalizzano l’attenzione su:

  • Giovani
  • Disoccupati

Tali Bonus in realtà comunque non sono destinati solo ad aziende e datori di lavoro del sud Italia ma a quelli di tutta Italia, il tutto concesso rispettando specifici requisiti.

Le agevolazioni quindi riguardano:

1. Privati e datori di lavoro che assumono giovani al di sotto e fino ai 24 anni

2. Privati e datori di lavoro che assumono personale disoccupato anche sopra i 25 anni di età disoccupati da almeno 6 mesi

3. Un bonus esclusivo per il Sud Italia

4. Un bonus per tutta Italia

I Requisiti

Come anticipato per quanto riguarda il tema delle assunzioni e delle agevolazioni 2017 relative a tale tema vi sono anche degli specifici requisiti da rispettare, tra questi:

  • Seguendo il decreto legislativo si evince che le assunzioni saranno al fine di attuare l’obbligo preesistente stabilito da norme di legge o contrattazione collettiva
  • L’assunzione non deve violare il diritto di precedenza alla riassunzione di una lavoratrice o di un lavoratore licenziato e che avesse un rapporto di lavoro a tempo indeterminato o terminato con contratto a termine
  • Poi vi sono le assunzioni effettuate dai datori di lavoro che hanno in atto sospensioni dal lavoro per crisi o riorganizzazione aziendale
  • Infine l’altro criterio è quello relativo ai lavoratori licenziati dal medesimo datore di lavoro nei 6 mesi precedenti

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 18-01-2017

X