Nuove assunzioni in arrivo all’INPS: l’annuncio di Di Maio

L’INPS si prepara a fare nuove assunzioni. L’annuncio è stato fatto da Luigi Di Maio: “Presto un nuovo concorso”.

ROMA – L’INPS ritorna ad assumere. Ad annunciare questa importante novità è Luigi Di Maio con un post su Facebook: “Oltre 5000 nuovi lavoratori saranno assunti nei prossimi mesi“. Nell’immagine postata sui social si parla di 3500 nuove persone subito e 2000 con un concorso entro il 2020.

Di seguito il post di Luigi Di Maio su Facebook

Oltre 5000 assunzioni all’INPS! Le annuncerò insieme al presidente Pasquale Tridico questo pomeriggio a Roma e in diretta Facebook. Vi aspetto!

Pubblicato da Luigi Di Maio su Giovedì 4 luglio 2019

Numeri confermati anche da Pasquale Tridico, presidente dell’INPS: “Tra il 2019 e il 2020 entreranno nell’Istituto 5400 nuovi dipendenti. 3507 di questi sono già entrati il 1° luglio e oggi si concludono le giornate formative. Oltre mille persone saranno assunti l’anno prossimo in sostituzione dei dipendenti che andranno in pensione con quota 100 e il tasso di sostituzione toccherà il 100%. Credo che sia l’evento più grosso di assunzioni mai avvenuto in una Pubblica Amministrazione“.

False mail INPS

INPS, oltre un milione di evasione accertata dall’Istituto di Previdenza

In contemporanea a questo annuncio, l’INPS ha fatto sapere i nuovi dati sull’attività dell’Istituto. I controlli hanno scoperto nel 2018 oltre un milione di euro di evasione. 17.710 le ispezioni effettuate con 14mila le aziende irregolari, 37mila i lavoratori senza un contratto regolare e 5mila quelli in nero.

Nella relazione presentata viene fatto anche il punto sul reddito di cittadinanza. Al 20 giugno le domande presentate sono state più di un milione ma di queste solo 800mila accolte. “Credo – precisa Tridico che arriveremo a 1,4 milioni di domande per reddito di cittadinanza e pensione di cittadinanza con un milione pagate“.

Per quanto riguarda Quota 100 il 75% delle domande sono state presentate dai lavoratori mentre il 25% da disoccupati e cassaintegrati. “Per la maggior parte – fa sapere l’Istituto – si tratta di lavoratori pubblici, per i quali ci sarà un tasso di sostituzione pari al 100%“. Novità importanti, quindi, per quanto riguarda l’INPS con reddito di cittadinanza e Quota 100 sempre al centro dell’attenzione.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/LuigiDiMaio

ultimo aggiornamento: 05-07-2019

X