Vaccino Covid, il Ministero della Salute autorizza la somministrazione del vaccino AstraZeneca fino a 65 anni.

Il Ministero della Salute ha approvato la somministrazione del vaccino AstraZeneca fino a 65 anni. La decisione arriva dopo che la Commissione dell’Agenzia italiana del farmaco si era espressa a favore.

Ministero della Salute, via libera alla somministrazione di AstraZeneca fino a 65 anni

Dopo il parere positivo espresso dalla Commissione dell’Aifa, il Ministero della Salute autorizza la somministrazione del vaccino AstraZeneca fino a 65 anni. Come specificato nella comunicazione, le evidenze scientifiche attualmente a disposizione hanno portato a rivedere le stime legate all’efficacia del vaccino sui soggetti in questione.

In un primo momento l’Aifa aveva consigliato la somministrazione di AstraZeneca fino ai 55 anni approvando comunque la somministrazione anche ai soggetti over 55.

Il Cts ha quindi ribadito quanto espresso dall’Aifa specificando che non ci sono evidenze tali da vietare la somministrazione di AstraZeneca agli over 55.

“Si ribadisce tuttavia che, sulla base dei risultati di immunogenicità e dei dati di sicurezza, il rapporto beneficio/rischio di tale vaccino risulta favorevole anche nei soggetti di età più avanzata che non presentino specifici fattori di rischio”, aveva comunicato il Comitato Tecnico Scientifico come riferito da la Repubblica.

Vaccino coronavirus
Vaccino coronavirus

Somministrazione fino a 65 anni in soggetti in buone condizioni di salute

Con la nuova disposizione si autorizza quindi la somministrazione del vaccino in questione ai soggetti fino a 65 anni di età in buone condizioni di salute.

Pfizer e Moderna ai soggetti più anziani

Alle persone con più di sessantacinque anni andranno somministrati i vaccini Pfizer e Moderna, considerati più sicuri.


Liguria, restrizioni a Sanremo e nei Comuni limitrofi

Covid, cosa si può fare e cosa no: le regole dopo il nuovo decreto