Atari VCS, messa in prevendita su Indiegogo, ha raccolto più di due milioni di dollari in meno di un giorno, diventando uno dei progetti di maggior successo di sempre.

Annunciata a marzo 2018, Atari VCS sembrava da subito destinata a diventare l’oggetto del desiderio per i videogiocatori nostalgici. Il lancio sulla piattaforma di crowdfunding Indiegogo ha dimostrato che è davvero così.
Atari, forse anche per tenere un basso profilo, aveva modestamente fissato l’obiettivo della raccolta a centomila dollari per avviare la produzione di Atari VCS. Probabilmente hanno sottovalutato l’effetto nostalgia, perché in poco più di un giorno il progetto aveva già superato quota 2 milioni di dollari. Un successo impressionante, soprattutto se consideriamo che il prodotto è proposto a un prezzo non proprio popolare.

Green Pass e Super Green Pass, tutte le regole dal 10 gennaio

Cos’è l’Atari VCS?

Semplicemente, una console da gioco prodotta da Atari. Al di la degli aspetti tecnici, si tratta del primo hardware prodotto ufficialmente da Atari da 25 anni a questa parte. Non stupisce che gli appassionati di tutto il mondo siano “sul piede di guerra”. Soprattutto se consideriamo quanto il marchio sia importante per l’immaginario dei videogiocatori di tutto il mondo, nonostante il fatto che gli ultimi anni non siano stati particolarmente felici.

Atari VCS effetto vintage
Fonte foto: Press Kit ufficiale Atari VCS

Atari VCS, effetto nostalgia assicurato

Con un aspetto decisamente vintage (retrofuturistico, come lo definiscono nel sito ufficiale), Atari VCS è evidentemente progettata per fare leva soprattutto sulle prime generazioni di giocatori. In pratica chi oggi ha circa fra i 40 e i 50 anni, e molto probabilmente ha avuto una console Atari in casa negli anni del primo boom. Il look ricorda moltissimo proprio le vecchie macchine Atari. La Collector’s edition, che si può prenotare per 299 dollari, ha anche il legno nella scocca, come le prime console del produttore americano. Sicuramente questo farà la gioia degli appassionati di retrogaming, così come lo faranno i 100 giochi classici preinstallati nella console. Un effetto nostalgia che trova ampio spazio anche nel video di presentazione.

Non solo classici e vintage

Anche se l’aspetto e i giochi inclusi fanno pensare soprattutto ai nostalgici, in realtà le specifiche dell’Atari VCS ci dicono altro: la console monta un processore AMD Bristol Ridge A10 e una scheda grafica Radeon R7, con 4 GB di RAM e una memoria interna da 32 GB. Per chi non ama le statistiche, si tratta di una console piuttosto potente, che si colloca praticamente a metà fra le “mini console” basate su Android e simili e l’accoppiata PS4 / Xbox One. Ma l’idea sembra essere quella di fornire più un centro di intrattenimento a 360 gradi.

Atari VCS giochi classici
Fonte foto: Press kit ufficiale Atari VCS

Atari VCS, la prima console connessa di Atari

Grazie a Bluetooth 5.0, alla scheda di rete Gigabit, ma soprattutto alla connessione WiFi, Atari VCS si propone soprattutto come centro dell’intrattenimento da salotto. Possiamo leggerlo distintamente nelle FAQ delle funzionalità offerte: “Giochi retro e moderni, giochi Indie per PC, musica e video in streaming, navigazione in Rete, controlli vocali […] e accesso completo al Web“.

Del resto, paradossalmente sono proprio i giochi disponibili a lasciare qualche dubbio. Sulla pagina di Indiegogo possiamo leggere che Atari ha in progetto di proporre nuovi giochi al momento del lancio ufficiale, che sarà nel 2019. Inoltre si parla di partner importanti, ma senza ulteriori dettagli. L’unico gioco annunciato per ora è Tempest 4000, attraverso un trailer.

Volendo fare qualche ipotesi, dal momento che si tratta di una macchina basata su Linux non è improbabile pensare che in Atari abbiano gettato uno sguardo anche sulla piattaforma Steam, che da diversi anni è in prima linea per portare il gaming sul sistema operativo Open Source.

Fonte foto copertina: Press kit ufficiale Atari VCS, uberstrategist.link/ATARIVCS-PressKit

 

Clicca qui per seguire la nostra pagina Facebook
Clicca qui per seguire News Mondo su Twitter
Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 01-06-2018


Usare il tablet per lavoro, gli accessori indispensabili

WWDC 2018, tutte le novità della Apple Worldwide Developers conference