Atleta cubana è morta a 19 anni dopo essere stata colpita alla testa da un martello. L’incidente è avvenuto ad aprile.

ROMA – Atletica in lutto. Una atleta cubana di 19 anni è morta dopo essere stata colpita alla testa da un martello in allenamento. L’incidente, come riportato da La Gazzetta dello Sport, è avvenuto lo scorso aprile e negli ultimi mesi la giovane è stata impegnata in una lotta per la vita persa nella giornata del 29 luglio.

Condividiamo questo dolore insopportabile con la sua famiglia“, ha detto Osvaldo Vento, il presidente dell’Istituto sportivo nazionale di Cuba. E la nazionale di atletica si prepara ad onorarla ai Giochi. E le vittorie di questo Paese saranno dedicate sicuramente a lei.

Chi era Alegna Osorio

Una carriera nel mondo dell’atleta per la 19enne Alegna Osorio. Un vero e proprio talento del lancio del martello come testimoniano i risultati ottenuti a livello giovanile. Il quarto posto ai Giochi nel 2018 e il bronzo ai campionati Panamericani Under 20 sono sicuramente la testimonianza di una qualità importante per l’atleta cubana.

Il suo sogno era sicuramente quello di arrivare tra i grandi e provare a vincere una medaglia. Purtroppo un incidente in allenamento non le ha permesso di poter salire sul podio olimpico tra i ‘grandi’. Ed ora i suoi compagni di nazionale proveranno a ricordarla in Giappone con il primo posto.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Ambulanza
Ambulanza

Alegna Osorio morta

La morte della 19enne cubana è avvenuta nella giornata di giovedì 29 luglio, decesso provocato dalle ferite alla testa che si è procurata in un allenamento. Un infortunio avvenuto ad aprile, con la giovane atleta colpita alla testa dal martello durante un lancio.

Le sue condizioni sono sembrate subito molto gravi e in questi mesi ha lottato per vincere questa battaglia. Purtroppo le ferite provocate erano molto gravi e i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso il 29 luglio.


Olimpiadi Tokyo 2020, gli italiani in gara venerdì 30 luglio

Atletica – Tamberi vola in finale! Non tradiscono Abdelwahed e Ala Zoghlami