Nuovo attacco di Letta a Salvini: “Noi siamo stati quelli che hanno garantito che non ci fosse nessuna scelta sbracata”.

ROMA – Nuovo attacco di Letta a Salvini. Il leader del Pd, intervenuto all’assemblea nazionale di Articolo 1, è ritornato a criticare il leader della Lega. “Se lui – ha detto l’ex premier, riportato da La Repubblica dice che non si fanno le riforme, tragga le conseguenze ed esca da questo governo, che è fatto per fare le riforme […]. Apprezzo la determinazione e la calma del ministro Speranza degli ultimi mesi. Si riapre in sicurezza. Noi siamo stati quelli che hanno garantito che non ci fosse nessuna scelta sbracata“.

Letta sulle amministrative: “Condivido il principio di realtà di Conte”

L’ex premier si è soffermato anche sulle prossime amministrative: “Per noi si tratta di un percorso che ha alcune tappe e quella più interessante e complessa è sicuramente la prossima. Si tratta di una tappa di avvicinamento e di convergenza verso le politiche. Condivido il principio di realtà di Conte. Dobbiamo farlo nostro questo percorso, conoscendo i problemi e facendocene carico. Sono convinto che alle prossime politiche staremo insieme. Lavoreremo ad una proposta comune e possiamo farlo perché siamo persone che si stimano e questo è una marcia in più“.

Enrico Letta
Enrico Letta

Conte: “Rilanciare l’alleanza giallo-rossa”

L’ex presidente del Consiglio Conte nel suo intervento ha chiesto di “rilanciare l’esperienza giallo-rossa. Abbiamo alle nostre spalle un cammino comune e non possiamo accantonare questa leale collaborazione. Ora però dobbiamo darci un orizzonte di senso che punti a risolvere i problemi dei cittadini, per delineare il comune destino di una intera comunità“.

Le trattative entreranno nel vivo solamente dopo le amministrative. Si tratta di un passaggio fondamentale per capire come muoversi in ottica prossime politiche. La discussione è aperta e non esclusi in questo senso dei colpi di scena nell’alleanza.


Mattarella: “La famiglia è il nucleo vitale della società”

Elezioni Milano, la decisione di Gabriele Albertini