Duro attacco di Salvini a Speranza: “Lui vede solo rosso. Il nuovo decreto non ci soddisfa”.

ROMA – Duro attacco di Matteo Salvini a Roberto Speranza. Il decreto aprile sembra aver definitivamente spaccato la maggioranza. “Se il ministro vede solo rosso, non lo deve spiegare a me – le parole del leader della Lega, riportate da Il Fatto Quotidiano – il nuovo decreto Covid non ci soddisfa. Così è una scelta politica, non basata su dati scientifici […]“.

Dichiarazioni che confermano una tensione all’interno della maggioranza. Il premier Draghi, al momento, ha sposato la linea rigorista, ma la battaglia al Governo non sembra essere finita qui.

Speranza: “La tutela della salute al primo posto”

La replica del ministro Speranza è arrivata subito dopo il Consiglio dei ministri. “C’è grande soddisfazione – ha detto il titolare della Salute, riportato da quotidianosanità.itper un decreto legge che mette la tutela della salute al primo posto. Vincere la battaglia sanitaria è la premessa per la vera ripartenza del Paese“.

E ha aggiunto: “C’è l’impegno di tutto il governo a lavorare, in sede di conversione del decreto, ad una protezione legale per il personale sanitario impegnato nell’emergenza che vada oltre la semplice norma approvata oggi che riguarda le vaccinazioni“.

La battaglia si sposta in Parlamento?

La battaglia nelle prossime settimane potrebbe spostarsi in Parlamento. Essendo un decreto legge, la discussione continuerà in Aula e non si esclude uno scontro all’interno della maggioranza.

La Lega e Forza Italia si sono sempre dichiarati contro un decreto senza zona gialla e, per questo, non si esclude la possibilità di una nuova spaccatura nel Governo. Toccherà al presidente Draghi cercare di ricucire lo strappo, ma la convivenza inizia ad essere molto complicata. E le parole di Matteo Salvini contro Speranza sono la conferma di un clima molto teso in un esecutivo che rischia di finire prima la sua corsa.

TAG:
governo Draghi

ultimo aggiornamento: 31-03-2021


Recovery Plan, Franco: “I progetti non inclusi non saranno necessariamente accantonati”

Scontro Pd-Lega sul ddl Zan. I dem: “No ai ricatti”