Diversi attentati in Afghanistan. Nel giorno delle elezioni molti taleban hanno attaccato i seggi. Le autorità locali parlano di 192 attacchi.

KABUL (AFGHANISTAN) – L’intera Afghanistan nel mirino dei terroristi. Nel giorno delle elezioni i taleban hanno mantenuto la promessa fatta nei giorni scorsi, attaccando i seggi elettorali. Le autorità locali parlano di 192 attentati ma i gruppi degli attentatori ne hanno rivendicati almeno trecento.

Il primo bilancio accertato parla di almeno 50 morti e oltre 150 feriti ma il bilancio sembra aggravarsi visto che i soccorritori sono al lavoro per cercare di salvare più persone possibili dalle macerie per trasportarle in ospedale.

Afghanistan
Afghanistan (fonte foto https://twitter.com/initalianews)

Afghanistan, le elezioni sono insanguinate: diversi gli attacchi terroristici

Gli attacchi terroristici in questa giornata di elezioni in Afghanistan sono stati diversi. Nelle scorse settimane i taleban si erano segnati questo appuntamento sul proprio calendario per colpire moltissimi cittadini che si presentavano ai seggi. La promessa è stata mantenuta con il sangue che è stato il vero protagonista di un sabato di fine ottobre in tutto il Paese e non solo a Kabul.

La giornata non è ancora finita e il rischio di nuovi attentati è molto forte. Le autorità locali parlano di almeno 192 esplosioni mentre i terroristi ne rivendicano 300. Il numero preciso non si sa ma sicuramente la guerra è aperta. Non sono escluse nei prossimi giorni dei nuovi attacchi, visto che negli ultimi mesi i taleban hanno più volte attaccato i civili. La guerra non sembra voler finire con l’ONU che è al lavoro per cercare di arrivare ad una tregua che non sembra semplice.

fonte foto copertina https://twitter.com/AntonellaNapoli

Nuove ordinanze in vigore: ecco che cosa si può fare in base al colore della zona

TAG:
afghanistan attentati elezioni esteri

ultimo aggiornamento: 20-10-2018


Lanciata la prima missione europea su Mercurio

Londra, in migliaia in piazza per chiedere il referendum sulla Brexit