Ci sarebbero morti a Mogadiscio in seguito a uno scontro a fuoco e all’esplosione di due autobomba nel centro della città. L’attacco condotto probabilmente dagli uomini di al-Sahabaab.

Paura a Mogadiscio, dove sono esplose due autobomba. Le violente detonazioni hanno seguito una prolungata sparatoria avvenuta al centro cittadino. Stando a quanto riferito dai media locali ci sarebbero diversi morti. Non è stato ufficializzato il bilancio.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Attentato a Mogadiscio: esplose due autobomba in seguito a un prolungato scontro a fuoco nei pressi del Ministero del Lavoro

Lo scontro sarebbe avvenuto nei pressi del ministero del Lavoro. Secondo le testimonianze si sarebbe accesa una vera e propria battaglia intorno all’edificio e forse anche all’interno dello stesso.

Ambulanza Somalia
fonte foto https://twitter.com/AaminAmbulance

L’attacco potrebbe essere stato condotto dagli uomini di al-Sahabaab, fazione estremista islamica

Stando alle prime ipotesi sembra che possa essersi trattato di un attentato condotto dai miliziani del gruppo estremista islamico di al-Sahabaab. L’ipotesi sarebbe confermata dalla testimonianza di alcuni dipendenti ministeriali che avrebbero visto alcune persone fuggire dall’edificio dove sarebbe avvenuta la sparatoria prima dell’esplosione delle due autobomba.

L’attentato a Mogadiscio nel giorno della sconfitta dell’Isis. La guerra del terrore non è finita

L’attentato a Mogadiscio è avvenuto proprio nel giorno in cui parte del mondo occidentale festeggia all’annuncio della definitiva sconfitta dell’Isis, con il Califfato che avrebbe perso anche la sua ultima roccaforte.

I morti in Somalia dimostrano che, più che un vero e proprio stato, l’Isis sia ormai un ideale in grado di fare morti anche senza un’organizzazione e un’identità territoriale.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 23-03-2019


Isis, cade anche l’ultima roccaforte. Ma la guerra del terrore non è finita

Cile, l’arcivescovo di Santiago a processo per occultamento di tre abusi. Papa Francesco accetta le dimissioni