Attentato Barcellona, la fuga di Younes è finita: ucciso in uno scontro a fuoco a Subirats

L’uomo sarebbe stato ucciso dalla polizia perché indossava una cintura esplosiva. Prima di morire avrebbe urlato “Allah Akhbar”.

BARCELLONA – La fuga di Younes Abouyaaqoub potrebbe essere terminata nel pomeriggio odierno. L’uomo che sarebbe stato alla guida del furgoncino nel giorno dell’attentato alla Rambla a Barcellona sarebbe stato ucciso dalla polizia catalana in un’operazione che si è svolta a Subirats.

Inizialmente si è parlato dell’arrestato, mentre successivamente è uscita la notizia della morte

Inizialmente il quotidiano La Vanguardia aveva parlato del suo arresto presso la località catalana di Saint Sadurnì D’Anoia ma successivamente i media spagnoli avevano parlato dell’uccisione di un uomo che indossava una cintura esplosiva a Subiratis. La notizia è stata confermata dalla polizia che al momento non si sbilancia sull’identità dell’uomo.

La polizia sarebbe stata avvisata da un uomo. Non si sa se la cintura esplosiva sia vera

Secondo quanto riferisce TV3 la polizia catalana sarebbe stata avvisata da un testimone. All’arrivo degli agenti l’uomo avrebbe urlato “Allahu Akhbar” prima di essere ucciso. Al momento ancora non è chiaro se la cintura esplosiva sia vera o falsa. Dovrebbe quindi essere terminata la caccia alla cellula terroristica che ha progettato l’attentato di Barcellona l’imam sarebbe stato ucciso nel blitz a Cambrils.

ultimo aggiornamento: 21-08-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X