Terribile attentato: ci sono morti e feriti gravi
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Terribile attentato: ci sono morti e feriti gravi

Terribile attentato: ci sono morti e feriti gravi

Paura a Gerusalemme a seguito di un attentato. Due terroristi hanno aperto il fuoco uccidendo alcune persone e ferendone altrettante.

Paura a Gerusalemme dove in queste ore si è verificato un vero e proprio attentato. Due terroristi hanno aperto il fuoco alla fermata dell’autobus sul boulevard Weizman causando la morte di alcune persone e il ferimento di altre. Restano ancora da chiarire le dinamiche ma pare che i due assalitori possano essere collegati ad Hamas.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

terrorista arma

Attentato a Gerusalemme: i fatti

Un terribile attentato è andato in scena questa mattina a Gerusalemme. Tre israeliani sarebbero rimasti uccisi ed altri otto sarebbero stati feriti nel corso della sparatoria. A riferirlo è stato il capo della polizia cittadina, Doron Turgeman.

Dalle prime informazioni che filtrano sulla vicenda, due attentatori, due palestinesi di Gerusalemme est, sono arrivati in automobile alla fermata dell’autobus sul boulevard Weizman. Successivamente sono scesi dal veicolo impugnando un fucile M-16 ed una pistola ed hanno aperto il fuoco.

Le forze dell’ordine, sempre nella figura di Turgeman avrebbero anche aggiunto che i due terroristi sono stati uccisi dall’intervento immediato di due soldati presenti sul posto e anche grazie ad un civile. La polizia è ancora in massima allerta sul posto dove pare esserci grande fermento dopo la liberazione di detenuti palestinesi nel contesto della tregua della guerra tra Israele e Hamas.

Proprio l’organizzazione potrebbe essere dietro l’episodio di violenza odierna.

Il collegamento con Hamas

Stando a quanto riportato dall’Ansa, i due attentatori, infatti, identificati in Murad Nimer (38 anni) ed Ibrahim Nimer (30 anni), residenti nel rione di Tsur Baher a Gerusalemme est e detentori di carte di identità israeliane, sarebbero ricollegabili ad Hamas.

Secondo la radio militare, infatti, entrambi avrebbero scontato detenzioni in Israele per ”attività terroristiche”. Secondo il sito palestinese QudsNews sarebbero entrambi collegati a Hamas. Nella loro automobile, secondo la polizia, sono stati trovati centinaia di proiettili a conferma del fatto che i due uomini stavano progettando un attentato di importante portata.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 30 Novembre 2023 10:09

Draghi: “Ue paralizzata. No Expo a Roma? Cosa penso del complotto”

nl pixel