Ennesimo attentato in Siria. Un’autobomba è esplosa al confine turco provocando la morte di almeno dieci persone. Nessuna rivendicazione.

TAL ABYAD (SIRIA) – Ennesimo attentato in Siria. Nel pomeriggio italiano di sabato 23 novembre 2019 una autobomba è esplosa al confine turco nei pressi della città di Tal Abyad. Secondo quanto riportato dalle ONG le vittime sono almeno dieci mentre diversi i feriti. Non si conoscono le condizioni delle altre persone coinvolte in questo attentato. Sono in corso gli accertamenti ma molto probabilmente la matrice è islamica.

Al momento non c’è stata nessuna rivendicazione ma questa zona nelle ultime settimane è stata presa più di una volta di mira dalle forze terroristiche nonostante il ritiro dei militari turchi.

Alta tensione in Siria

La tensione continua ad essere molto alta in tutta la zona. L’attacco in Siria del 23 novembre è solo l’ultimo di una striscia di sangue che non sembra finire. Non c’è stata nessuna rivendicazione ma molto probabilmente la matrice è dei ribelli che da tempo hanno preso di mira il confine turco.

Un territorio ‘martoriato’ dagli attentati anche dopo il ritiro da parte dei militari turchi. Possibile che nelle prossime ore ci possa essere la rivendicazione da parte di uno dei gruppi terroristici in azione in queste zone.

SH_ambulanza
SH_ambulanza

Il bilancio

Il bilancio di questo attentato è di una decina di morti. Non è chiaro al momento il numero preciso visto che non c’è stata nessuna comunicazione dalle autorità ufficiali ma le ONG parlano di vittime in doppia cifra e diverse persone ferite.

Una striscia di sangue che sembra non finire in questa zona. E nelle prossime ore ci potrebbero essere ulteriori attentati e attacchi con il numero delle vittime complessivo che sembra essere destinato ad aumentare. E l’ultimo attentato è la conferma di una tensione che non è affatto scesa in tutta la zona.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
attentato attentato in siria esteri Siria

ultimo aggiornamento: 23-11-2019


Londra, due italiani condannati a sette anni e mezzo per stupro

Papa Francesco a Nagasaki: “Mai più il boato delle armi”