Attentato sventato a Roma. Nel mirino di alcuni malviventi è finito Marco Doria, responsabile dei parchi della Capitale.

ROMA – Poteva essere una vera e propria tragedia ma fortunatamente un ordigno rudimentale per qualche problema tecnico non è esploso. Un possibile attentato è stato sventato a Roma nel pomeriggio di mercoledì 16 giugno nei pressi dello stadio Olimpico.

Nel mirino degli aggressori è finito, come riportato dal Corriere della Sera, Marco Doria, presidente dei parchi della Capitale e messo sotto protezione nei mesi scorsi per le minacce ricevute dopo le denunce su alcuni episodi di vandalismo a Villa Pamphilj.

Paura a Roma, ordigno rudimentale posizionato su una vettura

L’allarme è scattato nel pomeriggio di mercoledì 16 giugno. La vittima di questo attentato si è accordo di alcuni fili pendenti dall’auto e da qui la chiamata ai carabinieri. Gli artificieri hanno rinvenuto un ordigno rudimentale con una miccia che potrebbe essere stata accesa e poi spenta.

Proprio questo fa ipotizzare un problema alla bomba. E’ stata aperta un’indagine per chiarire meglio l’episodio e provare a risalire ai responsabili di questo gesto. Intanto la prefettura ha alzato la protezione nei confronti di Doria. Non si esclude, infatti, la possibilità di un altro ordigno in futuro e per questo serve un controllo maggiore.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Polizia
Polizia

Momenti di tensione per i tifosi di Italia-Svizzera

Una vera e propria tragedia evitata, almeno secondo le prime informazioni, per una casualità. In quella zona, infatti, passavano molti tifosi per andare all’Olimpico in vista di Italia-Svizzera. Momenti di apprensione per tutte le persone che si trovavano nei pressi dell’auto.

Fortunatamente non ci sono stati particolari problemi o feriti. La Procura ha aperto un’indagine per provare a chiarire quanto successo e risalire ai responsabili. In attesa di tutti gli accertamenti del caso, è stato deciso di alzare la sorveglianza nei confronti della vittima di questo attentato.

Esplosione a Barletta, ci sono feriti

Una esplosione, invece, è stata registrata a Barletta. Una palazzina, secondo quanto riferito dall’Ansa, è crollata a causa di una fuga di gas. Ci sarebbero alcuni feriti ma non si conoscono le loro condizioni.


Zaki compie trent’anni ed è ancora in carcere. Letta rilancia sulla cittadinanza

Fine vita, il tribunale di Ancona: “Verificare le condizioni del paziente per l’eutanasia”