Audi controlla la nostra salute durante le guida con Fit Driver

Secondo una recente notizia, Audi starebbe per portare il comfort di guida a un altro livello, monitorando lo stato di salute di chi guida.

chiudi

Caricamento Player...

Fit Driver, secondo quanto riporta Autoblog.com, è un sistema presentato da Audi che potrebbe aumentare esponenzialmente il comfort di guida sulle sue vetture, attraverso il monitoraggio dei parametri vitali del pilota. Il principio è molto simile a quello usato dalla maggior parte delle App e degli strumenti per la salute e il fitness, ma l’applicazione in campo automobilistico è qualcosa di nuovo.

L’idea che ha portato alla creazione di Fit Driver è interessante: il sistema dovrebbe monitorare alcuni parametri vitali di chi sta guidando, confrontarli con quelli memorizzati in condizioni normali per controllare il nostro stato di salute e benessere durante la guida. Questi dati poi verrebbero combinati con quelli forniti dall’auto per determinare lo stile di guida, le condizioni meteo e di traffico e, da questi dati, calcolare il nostro livello di stress.

Fit Driver rende l’auto più confortevole

Grazie ai dati calcolati da Fit Driver e quelli acquisiti attraverso uno smartwatch o un fitness tracker le auto Audi di prossima generazione potrebbero, a seconda del nostro livello di stress, attivare un massaggio attraverso il sedile, cambiare la temperatura interna dell’auto o addirittura avviare una serie di video che ci mostrano esercizi di respirazione per ridurre la tensione e rilassarci

Il sistema sarà anche in grado di rilevare il traffico e, a seconda di tutti questi parametri, suggerirci una sosta presso aree di servizio o punti di ristoro, invece, per esempio, di rimanere fermi in coda. In futuro Fit Driver potrebbe anche essere in grado di avviare una procedura automatica per guidare l’auto fino alla sosta, in casi di emergenza, o addirittura effettuare chiamate di soccorso.

La cattiva notizia è che purtroppo al momento Fit Driver è pensato solo per il mercato tedesco: tutti gli altri dovranno aspettare ulteriori sviluppi.

Fonte foto copertina: Autoblog.com