“Non ti affitto la casa perché sei meridionale”. Questo l’audio shock pubblicato da una ragazza pugliese che si è trasferita a Milano.

MILANO – “Non ti affitto la mia casa perché sei meridionale“. E’ questo l’audio shock pubblicato sui social da una ragazza pugliese che si è vista respingere la sua richiesta per la provenienza. “Per me – si sente nell’audio della giovane foggiana – i meridionali sono meridionali anche nel 4000 e sono uguali ai neri e ai rom. Sono un razzista al 100%. Mi raccomando, scriva e pubblichi che sono salviniana, sto con Matteo, con il capitano“.

Il racconto della vicenda

La vicenda è stata raccontata dalla giovane ragazza sui social, allegando ai post gli audio: “Succede questo. Decido di trasferirmi nel paese della mia fidanzata in provincia di Milano. Cerco una casa in affitto, la trovo e me ne innamoro. Mi metto d’accordo con la proprietaria di casa, una ragazza, per fare partire il contratto ad ottobre“.

Ma quindici giorni prima – rivela la giovane – mi manda un messaggio dicendomi che l’inizio del contratto slitta in un mese e successivamente mi dice che è saltato tutto perché preferisce venderla. Io le dico che non è giusto e in tutto ciò è intervenuta la madre che mi spiega il motivo per cui non mi viene affittata la casa. E questo è perché io sono di Foggia e la donna ritiene che in casa sua i meridionali non devono entrare“.

I precedenti

Non è la prima volta che succede una cosa simile in Italia. Altri episodi simili sono già capitati al Nord con proprietari di casa che si sono rifiutati di affittare i propri appartamenti a persone provenienti dal Sud. L’ultimo in ordine di tempo in provincia di Milano con una ragazza che si è vista rifiutare la propria richiesta perché nata a Foggia.

fonte foto copertina https://twitter.com/JPressitalia

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
affitti cronaca meridione milano News razzismo

ultimo aggiornamento: 14-09-2019


Moscopoli, le consulenze di Savoini pagate dalla Regione Lombardia

Migranti, la Ocean Viking approda a Lampedusa, via libera dalle autorità italiane