Recovery fund, Di Maio alla Camera: “Dobbiamo fare presto ma anche bene. È un treno che non ripasserà più. Un’occasione unica”.

Intervenuto in audizione alla Camera, il Ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha parlato del Recovery fund evidenziando come si tratti di un’occasione unica che non può essere sprecata.

Recovery fund, Di Maio: “Dobbiamo fare presto ma anche bene”

Quelle messe a disposizione dall’Europa sono risorse ingenti. Il Recovery Fund vale più del Piano Marshall. Dobbiamo fare presto, ma anche bene. È un treno che non ripasserà più. Un’occasione unica per modernizzare il nostro Paese“, ha dichiarato Luigi Di Maio come riferito dall’Ansa nel corso del suo intervento.

Vogliamo cogliere questa opportunità lavorando tutti insieme, con il Parlamento, maggioranza e opposizione, e con le forze sociali“, ha aggiunto il Ministro degli Esteri.

Sul governo aleggia ‘lo spettro’ del Mes

Mentre il governo conferma l’impegno sul Recovery fund, Nicola Zingaretti, sull’onda dell’entusiasmo per i risultati ottenuti alle elezioni regionali, rilancia, oltre al tema della modifica dei decreti Sicurezza varati dal governo giallorosso, l’argomento spinoso del Mes.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte continua a prendere tempo ribadendo che in caso di necessità si affronterà la discussione. Se il piano di rilancio strutturato intorno ai fondi del Recovery fund dovesse essere sufficiente non si dovrebbe procedere con la riflessione sul Mes.

Il Movimento 5 Stelle, storicamente contrario, continua a puntare i riflettori sul Recovery fund rimandando il confronto sul finanziamento fortemente voluto dal Partito democratico e da Italia Viva.

La sensazione è che nel breve periodo il governo possa essere chiamato a un confronto destinato a coinvolgere il Parlamento.

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
economia luigi di maio politica recovery fund

ultimo aggiornamento: 23-09-2020


Pacco bomba al Presidente di Confindustria Brescia

Ursula von der Leyen presenta il piano europeo sui migranti. Solidarietà obbligatoria