Sommario articolo

Il ministro Franco in audizione alla Camera: “E’ probabile una revisione al rialzo del Pil. Vedremo cosa succederà a settembre”.

ROMA – Il ministro Franco in audizione alla Camera ha fatto il punto sull’economia italiana. “E’ probabile che avremo ragione e motivo di rivedere il Pil in rialzo – ha detto il titolare del Mef riportato da La Repubblica ma in questo momento è un auspicio, quando a settembre prepareremo la Nota di aggiornamento al Def sarà il momento in cui lo faremo, non solo su cosa accade al Pil 2021 ma anche sugli effetti sulla crescita dei prossimi anni“.

La prossima legge di bilancio – ha aggiunto Franco – sarà sul quadro del Def. Se la crescita del Pil fosse più ampia vi sarebbero risorse vuoi per tagliare le imposte, vuoi per aumentare la spesa pubblica […]“.

Blocco licenziamenti

Il ministro Franco si è soffermato anche sul blocco licenziamenti: “Non mi aspetterei un’ondata enorme dal 1° luglio. Quello che il Governo ha fatto è dire che dal prossimo mese questa misura termina per i settori che già avevano la cassa integrazione, come la manifattura e le costruzioni, ma azzerando il contatore per ciascuna azienda che dunque ha davanti potenzialmente 52 settimane di cassa, con gli oneri aggiuntivi azzerati e, inoltre, sgravi contributivi. Qualsiasi situazione vi fosse, o eventi di grande portata, ovviamente il Governo sarà pronto ad intervenire“.

Alitalia

Un passaggio anche su Alitalia. “Il dialogo con la Commissione sta giungendo in fase finale – ha detto Franco – contiamo entro il mese di chiudere […]. Il passaggio a Ita, che sarà una nuova azienda, comporterà una transizione non facile. I vari asset di Alitalia passeranno a Ita con gare, contiamo che il brand debba transitare alla nuova azienda. E’ una fase di transizione e stiamo cercando di fare in modo che questa non comprometta la nostra stagione estiva“.


Borse 7 giugno, listini Ue in rialzo. Milano guadagna quasi l’1 per cento

Milano, sequestrati 20 milioni di euro al colosso Dhl