L’audizione del ministro Franco nelle commissioni Finanze sulla riforma del Fisco. Il titolare del Mef: “Sarà una misura graduale”.

ROMA – Audizione nelle commissione Finanze per il ministro Franco sulla riforma del Fisco. Il titolare dell’Economia ha parlato di “un provvedimento graduale, man mano che recupereremo risorse nel dare attuazione alla delega stessa anche il contrasto all’evasione e la razionalizzazione della spesa […]. Per la riforma è fondamentale il tema delle risorse disponibili: per l’alleggerimento del prelievo non possiamo mettere a rischio la tenuta dei conti particolare in questa fase […]“.

Le prospettive economiche – ha detto ancora Franco, riportato da La Repubblica sono ancora soggette a un elevato grado di incertezza per l’evoluzione della pandemia […]. Entro la fine del mese presenteremo la proposta di delega sulla riforma fiscale e terremo conto delle indicazioni date dal Parlamento“.

Franco: “Non è una una buona idea cambiare le tasse una alla volta”

Il ministro Franco ha ricordato che “cambiare le tasse una alla volta non è una buona idea. I pilastri fondamentali del sistema, l’imposta sul reddito delle persone fisiche, progressiva, e l’imposta sul valore aggiunto restano validi, ma necessitano di un profondo rinnovamento delle loro caratteristiche e del loro funzionamento […]“.

Il mantenimento dell’Irap – ha aggiunto il titolare del Mef – non appare più giustificato, c’è un’esigenza di semplificazione“.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Soldi euro
Soldi euro

Inps: “Quasi 6 miliardi di ore di Cig per Covid”

Una riforma del Fisco che sembra essere fondamentale anche per la ripartenza dell’economia. Un quadro complessivo che in Italia, come riportato dall’Inps, è ancora molto critico per la pandemia. Nel secondo trimestre sono state autorizzare complessivamente 5.935,4 milioni, di queste solo 527,6 milioni di ore sono state date nel mese di giugno.

Il Governo ha deciso di prolungare le settimane di cassa integrazione fino al termine dell’anno per contrastare la pandemia e non si escludono altre novità nel giro di qualche settimana.


La Bce lascia i tassi d’interesse fermi

Borse 22 luglio, Milano in positivo. In calo lo spread