Una nuova stangata è in arrivo per le bollette. Assoutenti conferma una crescita dei prezzi con la guerra.

ROMA – Una nuova stangata delle bollette è in arrivo nel nostro Paese. Secondo gli ultimi numeri di Assoutenti riportati dal Corriere della Sera, lo scoppio della guerra in Ucraina ha portato i prezzi ad aumentare del 30% e del 53% per quanto riguarda rispettivamente gas ed elettricità.

Un incremento destinato a continuare nelle prossime settimane. Per questo motivo non possiamo escludere nel giro di qualche settimana un nuovo intervento del Governo. La speranza naturalmente è quella di fare un passo indietro nel conflitto ed iniziare a respirare in questo senso.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Aumento delle bollette, stangata per le tasche degli italiani

L’aumento delle bollette nel nostro Paese va avanti ormai da diverse settimane e non sembra essere in programma un passo indietro soprattutto con lo scoppio della guerra in Ucraina. Il quadro con il conflitto è cambiato completamente rispetto al passato e sicuramente siamo davanti ad una situazione diversa a quella che si presentava qualche settimana fa.

Nei prossimi giorni molto probabilmente i prezzi continueranno a salire e per questo motivo ci aspettiamo dei prezzi alle stelle nel report del primo trimestre. Si tratta, come detto, di ipotesi visto che molto dipenderà da come terminerà il conflitto in Ucraina.

soldi euro
soldi euro

La guerra in Ucraina

Un conflitto in Ucraina che ha portato un aumento importante dei costi in generale e non solo delle bollette. Un rincaro destinato sicuramente a portare ad un rallentamento della crescita e messo ancora più nell’incertezza il futuro.

La speranza è quella di poter guardare con maggiore fiducia ai prossimi mesi, ma per farlo si deve mettere fine a questo conflitto che, come detto, rischia di mettere definitivamente in ginocchio il mondo e non solo i Paesi protagonisti della guerra.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 26-02-2022


Stop motori benzina e diesel nel 2035, arriva il no della Germania

Guerra in Ucraina, Confesercenti: “Rischio inflazione al 6 per cento”