La foto della macchina di Virginia Raggi in divieto di sosta fa il giro del web ma la sindaca di Roma si difende: A bordo c’erano gli uomini della scorta.

Ha fatto in poche ore il giro della rete la foto della macchina di Virginia Raggi posteggiata in divieto di sosta a pochi metri da una scuola. Tante le polemiche che hanno investito la sindaca di Roma, costretta a fare chiarezza con un post condiviso sulla propria pagina Facebook.

Macchina di Virginia Raggi in divieto di sosta

La macchina di Virginia Raggi è stata fotografata quando era ferma in divieto di sosta. La prima cittadina di Roma si trovava in visita in una scuola della Capitale e la sua auto è stata immortalata in divieto di sosta. Ma non tutto è come sembra. Come specificato dagli agenti della Polizia di Roma Capitale e poi dalla stessa sindaca, a bordo della vettura si trovavano gli uomini della scorta della Raggi.

C’è di più. Il comando della polizia locale ha fatto sapere che l’auto sarebbe stata ferma nell’area immediatamente successiva a quella soggetta al divieto di sosta. Insomma, nessuna regola sarebbe stata infranta.

Virginia Raggi
Fonte foto: https://www.facebook.com/cesare.barca

Virginia Raggi: Fake news montata ad arte

Virginia Raggi ha voluto commentare la notizia con un post condiviso sulla propria pagina Facebook:

“L’auto non era in divieto di sosta ma sono comunque costretta a difendere gli agenti di Polizia di Stato che stavano semplicemente svolgendo il loro lavoro: per motivi di sicurezza devono rimanere con l’automobile a ridosso del luogo dove la persona sotto scorta, in questo caso io, può essere allontanata velocemente. L’impressione è che sia la solita storia creata per gettare discredito in vista delle elezioni”.

L’ennesima gaffe dei giornali. Titoloni a tutta pagina con i quali affermano: “Gaffe della sindaca: parcheggia in…

Pubblicato da MoVimento 5 Stelle Roma su Domenica 7 aprile 2019

Pensioni, Salvini rilancia: Quota 100 è solo l’inizio, obiettivo è quota 41

Salvini risponde a Di Maio: scortesie? Quando ha incontrato i gilet gialli non ho commentato