Le immatricolazioni delle auto elettriche hanno fatto registrare una crescita esponenziale nel primo trimestre nel 2019. Ma le motorizzazioni tradizionali restano le preferite dagli automobilisti (per ora).

Continua a crescere il mercato delle auto elettriche con le immatricolazione che nei primi mesi del 2019 hanno fatto registrare un aumento esponenziale anche se le macchine non inquinanti faticano a imporsi nel confronto con le altre auto a motorizzazione tradizionale.

Auto elettriche, immatricolazioni in crescita nel primo trimestre del 2019

La crescita è dovuta in parte alle politiche green adottate da diversi governi, come ad esempio l’Ecobonus promosso dal MoVimento Cinque Stelle in Italia. Altro aspetto importante da considerare è il fenomeno del cambiamento. La battaglia contro il diesel e la campagna per l’elettrico hanno cambiato in maniera significativa l’immaginario collettivo.

Passando all’analisi dei numeri del momento, nel primo trimestre del 2019 le immatricolazioni di auto elettriche hanno fatto registrare una crescita dell’88%. rispetto allo stesso periodo del 2018. Uno dei paesi europei che ha fatto registrare una crescita maggiore è stato l’Italia, dove elettriche e ibride hanno messo a segno un significativo balzo in avanti.

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Auto elettriche
Fonte foto: https://www.facebook.com/ordingParma

Un’innovazione ‘diretta’ dall’alto: le elettriche spinte dalla politica e dalle case automobilistiche

I numeri sono positivi ma vanno considerati in prospettiva. Al momento la motorizzazione preferita resta quella a diesel e non si esclude, secondo le proiezioni e le previsioni, che il fatturato delle elettriche possa far registrare un calo nei prossimi quattro o cinque anni.

Al momento le auto elettriche, nonostante gli sconti, i bonus e le sovrattasse per le macchine più inquinanti, restano una soluzione scelta da pochissime persone.

Quello che invece è destinato a crescere è il numero legato agli investimenti nel settore. Case automobilistiche e governi credono nel cambiamento ecologico e continuano a spingere il mercato e la produzione. Un’eccezione è rappresentata dalla Norvegia, dove su ogni due auto vendute una è elettrica (circa).


Il pedone non ha sempre ragione: ecco quando è dalla parte del torto

Marco Melandri annuncia il ritiro: “Tutte le favole hanno una fine”