L’incremento delle auto in abbonamento è sempre di più in un numero crescente. Questi tutti i numeri di questo nuovo fenomeno.

Il mercato dell’auto cambia dalle cessioni di vendita all’appunto micromobilità con le versioni in abbonamento. La micromobilità, nel 2021 ha quasi raggiunto 100 miliardi di euro. Con una crescita costante del 30%. Le cifre della ricerca dello studio ‘Putting micromobility at the center of urban mobility‘, prodotto da Bcg e la famosa University of St. Gallen.

Automotive
Automotive

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole del managing director

Sull’auto in abbonamento parla proprio Giuseppe Collino il managing director and partner di Bcq parla così come riferito da Repubblica.it: “Le nuove forme di mobilità e micromobilità ma anche le auto a guida autonoma, hanno il potere di cambiare le città del futuro lungo quattro assi: diminuire il traffico, gli incidenti, abbattere le emissioni e liberare spazio“.

Per quanto riguarda l’argomento sociale Collino rivela: “Mobilità significa accesso e accesso significa possibilità. Se applicate in modo opportuno, le nuove forme di mobilità possono giocare un ruolo chiave nella diminuzione di forme di disuguaglianza, permettendo a tutti di accedere a servizi condivisi“.

Per quanto riguarda le varie necessità dei cittadini come trasporto pubblico, Giuseppe Collino aggiunge: “E’ essenziale porre i cittadini al centro dei nuovi modelli di mobilità, riconoscerne esigenze specifiche e, allo stesso tempo, tenere conto dell’identità delle nostre città, per scegliere il modello opportuno per ciascuna realtà.

Conclude con queste parole: “Ad esempio, il modello migliore per una città come Venezia sarà diverso da quello per Torino o per Roma“.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 13-08-2022


Dalla Seat Leon alla Lamborghini: ecco tutte le auto di Paulo Dybala

Auto sportive: ecco la top 10 più costosa al mondo