Autostrada A1: il corpo di una guardia giurata ritrovato in un'area di servizio

A1: trovato il corpo di una guardia giurata nell’area di sosta

Nella notte tra giovedì e venerdì della settimana scorsa, è stato rinvenuto il corpo di una guardia giurata in un’area di sosta, nel modenese. Oggi nuovi risvolti, si parla di omicidio

In data odierna, 14 Maggio 2019, arrivano ulteriori sviluppi sul cadavere della guardia giurata bolognese rinvenuto nell’area di sosta sull’A1.
La vittima in questione è Angelo Gabriele Scalea, 51 anni. Il corpo dell’uomo è stato ritrovato in un’area di servizio nel tratto Castelfranco Emilia, lungo l’autostrada.

A ritrovare il corpo, un autotrasportatore che ha subito allertato le forze dell’ordine.

Dal ritrovamento ad oggi nuovi sviluppi danno forma al caso della guardia giurata

Stando ad una prima analisi, la causa del decesso della guardia sembrava proprio la ferita alla testa, segno visibile sul corpo.
D’altro canto, il referto della tac non aveva riportato segni di frattura cranica che quindi è stata subito scartata come ipotetica causa del decesso.

Gli ultimi risultati invece fanno pensare a tutt’altra strada.
I nuovi sviluppi rivelano infatti come Scalea abbia perso la vita in seguito ad un malore. Più precisamente, la guardia giurata si sarebbe spenta a causa di un arresto cardio-circolatorio.

Sempre dagli stessi risultati si evince come la ferita alla testa è troppo superficiale. Questa non può dunque aver provocato aver causato il decesso dell’uomo.

fonte foto https://pixabay.com/it/illustrations/polizia-scena-del-crimine-luce-blu-850054/

Tutti gli elementi non sono ancora chiari e resta ancora valida l’ipotesi di omicidio.

Gli inquirenti affermano che Scalea non era solo. L’uomo, secondo una prima ricostruzione, era in compagnia di una seconda persona di cui, però, non si ha alcuna notizia.
L’ipotesi di omicidio resta valida fino ad ulteriori risvolti.

Angelo Scalea abitava a Bologna da diversi anni e lavorava per una ditta privata come guardia giurata. Era nato in Svizzera.
Il sito del Resto del Carlino racconta che “da cinque anni si era trasferito in quel palazzo del quartiere Savena, dove condivideva l’appartamento con altri due uomini, due militari”.

Fonte foto copertina: https://pixabay.com/it/photos/autostrada-vicolo-di-soccorso-3386978/

ultimo aggiornamento: 15-05-2019

X